diredonna network
logo
Stai leggendo: Cosa vuol dire essere bisessuale, demisessuale o pansessuale

Bisessualità: il non-capriccio di chi non "sceglie" di essere gay o etero

4 cose che non sai sull'imene (compresi i miti da sfatare)

C'è chi ama praticare il trampling sessuale e chi... il soft trampling

11 cose che solo le donne che usano la spirale possono capire

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

"Si può essere gay e musulmani: Allah ama l'uguaglianza"

"Anche questa è aggressione sessuale, l'ho capito grazie a Taylor Swift"

La vita sessuale segreta degli sposi ventenni

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

Cosa vuol dire essere bisessuale, demisessuale o pansessuale

Non sempre i significati delle parole sono palesi a tutti, soprattutto di quelle parole che negli ultimi tempi, fortunatamente, sentiamo sempre più spesso perché aumentano i coming out, essendoci sempre meno barriere sociali alla sessualità: ecco che significa essere bisessuale, demisessuale e pansessuale.
Orientamenti sessuali
Fonte: Pixabay

Nell’arcobaleno degli orientamenti sessuali, ci capita spesso di sentire delle definizioni – che poi non sono altro che parole per categorizzare delle persone in base a quello che fanno o non fanno nell’intimità – e non sempre comprendiamo cosa vogliano dire. E invece è importante capire. Lo è nella vita di tutti i giorni in cui la comprensione è un primo passo per il rispetto verso il privato di ognuno e l’amore che può provare. Lo è per capire che la sessualità umana è multiforme e presenta tanti aspetti che possono aiutarci a viverla meglio, senza bigottismo.

La sessualità arcobaleno è davvero piena di sfumature. Di solito si utilizzava la sigla LGBT, che sta per «lesbiche, gay, bisessuali e transessuali», che viene utilizzata in alcune varianti, come LGBTQIA*, acronimo per «lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersessuali, asessuali e così via». L’asterisco serve appunto perché quando si parla di orientamenti sessuali è giusto essere inclusivi: si parla di sesso ma si parla anche e soprattutto d’amore. Ecco quindi il significato di alcuni termini che incontriamo quotidianamente ma dei quali forse ignoriamo il senso e l’etimologia.

Bisessuale

Orientamenti sessuali
Fonte: Pixabay

La persona bisessuale è colei che sente attrazione – e sentimenti – per persone che possono essere di un sesso o dell’altro, uomini o donne. La bisessualità è uno degli orientamenti sessuali, in un certo senso, incompresi da ampie fasce della società: uno dei pregiudizi più diffusi infatti consiste nel fatto che essa non esista, ma si tratta di un luogo comune alimentato dai bifobici, ossia coloro che temono e disprezzano i bisessuali. La bisessualità è infatti un orientamento sessuale anticamente presente in natura, tanto che il termine, che contiene il prefisso «bi-» ossia «due», nasce come termine botanico.

Eppure, a ben guardare nella storia, sono tantissimi i personaggi bisessuali, a partire dall’Antica Roma. Se si leggono i carmi di Catullo o gli epigrammi di Marziale, si può notare bene come la passione sia per donne che per giovani fosse ampiamente condivisa, soprattutto tra gli intellettuali che l’avevano conosciuta attraverso la cultura greca.

Demisessuale

Il termine demisessuale è composto dal prefisso «demi-» che viene dal francese medievale e significa metà. La demisessualità è infatti un orientamento sessuale che caratterizza chi è asessuale, ma arriva a provare attrazione per una persona per cui prova anche interesse romantico. È l’interesse romantico infatti a guidare l’attrazione, non il suo sesso, non nient’altro.

Va ricordato che le persone asessuali sono coloro che non provano nessun interesse verso l’amore fisico, tanto che si parla di assenza di orientamento sessuale. Gli asessuali rappresentano l’1% della popolazione mondiale ed esistono in Rete moltissime liste di personaggi famosi considerati asessuali, tra cui spicca una sorta di icona, il cantante Morrissey. Sul quale però è difficilissimo dire o soltanto immaginare qualcosa che abbia minimamente a che fare col sesso, data la sua nota riservatezza. A parte ovviamente le sue canzoni d’amore.

Pansessuale

Orientamenti sessuali
Fonte: Instagram @ mileycyrus

Una piccola premessa: la pansessualità – che viene dal prefisso «pan-» ossia tutto – non va confusa con il pansessualismo. La prima è un orientamento sessuale che interessa l’attrazione tra le persone indipendentemente dal loro sesso o identità di genere. Il secondo è qualcosa che fa riferimento alla teoria freudiana in base alla quale il sesso sarebbe il fondamento di qualunque comportamento umano.

L’attivista Mario Mieli parlò di una teoria della pansessualità, in un volume che si intitola “Elementi di critica omosessuale”. Secondo Mieli, che prende le mosse proprio da Sigmund Freud, ognuno di noi nasce pansessuale, ossia con tutti i possibili orientamenti a propria portata, ma mano a mano che cresce. l’essere umano “seleziona”, in base anche a elementi che non sono interni a sé, ma esterni, perché hanno carattere ambientale.

Una delle star che ha dichiarato di essere pansessuale è la cantante Miley Cyrus.