diredonna network
logo
Stai leggendo: Dimmi che fantasie sessuali hai e ti dirò cosa dicono di te

Dimmi che fantasie sessuali hai e ti dirò cosa dicono di te

Tracey Cox esplora le fantasie sessuali principali delle donne: ecco quali sono i nostri più comuni sogni erotici e cosa significano in realtà.
Fantasie sessuali
Fonte: Pixabay

Le fantasie sessuali capitano, non c’è nulla di cui vergognarsi. A ognuna di noi è successo almeno una volta nella vita di immaginarsi con un altro uomo, di immaginarsi con una donna o anche e soprattutto di sognare giochi particolari da fare con il proprio partner abituale. Immaginarsi con una donna, tra l’altro è molto più comune che per gli uomini sognare un altro uomo: nelle donne il tabù dell’omosessualità esiste molto raramente. Quello però che non ci era ancora capitato era di sapere che le fantasie sessuali femminili corrispondono a un ben preciso fenomeno sulla psiche. Almeno è quello che crede la sessuologa Tracey Cox, che gestisce un forum, TraceyCox.com e scrive sul DailyMail: qui, tra le domande che le utenti le rivolgono, ce ne sono tantissime sulle fantasie sessuali.

Innanzi tutto, le fantasie sessuali non sono qualcosa di cui si deve aver paura, perché in nessun modo devono mettere a repentaglio il rapporto di coppia. Secondo Cox, infatti i sogni erotici significano sì qualcosa, ma non necessariamente che si ha voglia di fare a letto ciò che si sogna. A volte è invece l’esatto contrario infatti. In altre parole non è come in quella scena di “Donne sull’orlo di una crisi di nervi”, in cui il personaggio di Marisa, entrata vergine in casa di Pepa, ne esce non più vergine perché ha sognato di fare l’amore dopo una pesante dose di sonnifero all’interno di un gazpacho. E se l’immaginario di Pedro Almodovar è parossistico, le fantasie erotiche non lo sono sempre. Ma quando lo sono, non c’è da inquietarsi.

Dominare un uomo

Fantasie sessuali
Fonte: Pixabay

Nel manga “Golden Boy” c’era una vera e propria macchina per la realtà virtuale che metteva in contatto con le proprie fantasie sessuali più recondite: una di quelle che venivano narrate nella storia consisteva nel dominare un uomo. Secondo Cox, si tratta di un sogno comune alle donne timide con una vita sociale poco impegnativa, che a letto non vedono l’ora di scatenarsi come, nell’immaginario collettivo, farebbe un uomo al posto loro. In altre parole, quella di dominare un uomo è anche la fantasia di chi desidera rifuggire gli stereotipi.

Sesso con un ex

Il sesso con un ex è la più facile delle fantasie sessuali, perché non è una fantasia ma un deja-vu. Si è già fatto l’amore con quella persona, per cui si tratta semplicemente di un ricordo e non tanto del desiderio di tornare con quella persona. In realtà, secondo Cox, tutto rientra nel desiderio di avere chi non possiamo avere e quindi la fantasia dell’ex è in realtà più rara della fantasia con un amico del nostro partner, il padre di una nostra amica, il nostro capo.

Sesso con un altro uomo

Fantasie sessuali
Fonte: Pexels

È una cosa che può spaventare davvero, ma non significa che vogliamo tradire o lasciare chi amiamo. Piuttosto, secondo Cox, sarebbe un indice di insaziabilità: chi sogna di fare sesso con qualcun altro è la persona più forte della coppia e quindi l’equilibrio è sbilanciato verso di lei. Ma nulla più.

Sesso in pubblico

La fantasia sessuale relativa al sesso in pubblico ha a che vedere con il proprio senso interiore di ribellione: il sesso in pubblico è infatti proibito dalla legge e non c’è nulla di più erotico di fare qualcosa di proibito.

Spanking

Fantasie sessuali
Fonte: Pixabay

Ovvero le sculacciate: sognare questa pratica è molto comune e ci rimette in contatto con la nostra parte più primitiva e primordiale. Non solo: ha a che vedere con il senso di colpa – di carattere spesso moralistico – legato al sesso in sé, le sculacciate rappresentano in un certo senso una punizione.

Sesso con una persona più giovane o più vecchia

La fantasia sessuale con una persona giovane ha a che vedere con la propria vanità: significa, in altre parole, sognare di stare con qualcuno che non ci veda per gli anni che abbiamo. Con una persona più anziana invece ci si rimette in contatto con ricordi legati alla figura paterna: non un vero e proprio complesso di Elettra, ma piuttosto una certa ammirazione per chi è anziano e quindi saggio.