diredonna network
logo
Stai leggendo: 7 Motivi per cui Non dovresti farti Problemi a fare la Prima Mossa

7 Motivi per cui Non dovresti farti Problemi a fare la Prima Mossa

Hai conosciuto un uomo che ti incuriosisce e vorresti rivederlo? Se non fa lui la prima mossa, non è detto che non possa farla tu. Ecco perché non dovresti essere sempre tu quella che aspetta.
Foto: web
Foto: web

Certo, nostra nonna non lo avrebbe mai fatto.

Intendo che mai si sarebbe sognata di mandare un messaggino a un ragazzo per fargli capire che gli piace o anche solo per aprirsi alla possibilità di conoscerlo meglio.

Certo, non avrebbe potuto, non foss’altro perché i telefonini non esistevano, ma in ogni caso non lo avrebbe fatto.

Perché non stava bene, perché non era serio, perché si doveva far desiderare dall’uomo eccetera eccetera.

Oggi che i tempi sono cambiati e abbiamo ormai (quasi) tutte le libertà degli uomini e di questo mondo, alcuni retaggi culturali rimangono per molte di noi.

Fare il primo passo ci fa sentire ancora un po’ troppo audaci, ci fa temere di passare per troppo “leggere” o di spaventare troppo l’uomo, manco fossimo leonesse in libera uscita dallo zoo.

E poi c’è sempre l’altro timore, quello di essere rifiutate, che fa scattare in noi ferite all’orgoglio e far dirigere l’autostima verso la caduta libera.

1. Vi piace l’uomo cacciatore?

Foto: web
Foto: web

Premesso che sono contraria alla caccia, quella vera intendo, non amo neanche che questo parallelismo sia riportato alla giungla delle relazioni.

L’ho sempre trovato assurdo.

Perché una donna dovrebbe essere una preda o un trofeo e zigzagare nella Savana per schivare i colpi dell’uomo cacciatore che l’ha scelta per cena?

E perché mai di tutto questo dovrebbe esserne orgogliosa?

Non potremmo essere due cacciatori che quando si conoscono depongono le armi e decidono di uscire insieme per una birra?

2. Una piacevole curiosità

Motivi per cui una donna dovrebbe fare la prima mossa
Foto: web

Vi siete conosciuti a una cena con amici.

Lui ti è piaciuto subito e pensi che anche tu non gli sia rimasta indifferente.

Ma da quella sera non lo hai più visto, né ti ha cercato.

Ora puoi fare due cose: non ti fai più viva neanche tu e la chiudi lì.

Decisione più che legittima.

Ma se ti scopri a pensarci ancora e a domandarti: “Chissà se è davvero così simpatico quando lo conosci meglio?”, perché togliersi la possibilità di avere una risposta?

3. Cosa penserà di me?

Foto: web
Foto: web

Sei lì, col telefono in mano e ogni volta che fai per mandargli un messaggio ti risuona questa domanda nella testa: “Cosa penserà di me?”.

Prova a invertire i ruoli.

Se il primo messaggio di contatto lo scrive lui, tu cosa penseresti?

Se ti piace, ne saresti felicissima.

E se non ti piace?

Penseresti di lui che è uno stupido o che non ha orgoglio perché ha fatto il primo passo?

Sicuramente no.

E perché dovrebbe pensarlo lui di te?

Vuoi essere meno “diretta”?

Chiedigli l’amicizia su Facebook.

E poi chissà…

4. Non è mica “leggerezza”

Foto: web
Foto: web

Mandare un messaggino simpatico e carino per iniziare un contatto non significa certo presentarsi alla sua porta vestita da infermiera sexy.

E se lui è del tipo che lo pensa, come manco tuo nonno negli anni Sessanta, allora, ragazza, se non ti risponde, non è certo la fine del mondo.

Non ti sei persa granché, ma almeno ora lo sai.

5. Occasioni perdute

Foto: web
Foto: web

Se lui non si fa vivo può essere che non gli interessi.

Oppure sì, ma è troppo timido per farsi avanti.

Hai un’idea di quanti amori potevano sbocciare e sono rimasti semini nel vaso perché nessuno ha avuto il coraggio di dare l’acqua?

Metafora botanica a parte, perché non puoi essere tu provare a vedere come va?

Se son rose…

6. La sicurezza piace

Foto: web
Foto: web

Ci sono donne convinte che “tirarsela” sia sempre la cosa migliore per fare breccia nell’uomo che piace.

E magari è anche vero, con molti uomini può funzionare.

Ma non con tutti, ci sono anche quelli che dalla prima mossa di una donna traggono la conclusione che sia una ragazza sicura di sé, che non si fa problemi, che comunque accetta il rischio e va avanti.

Non è male come immagine, no?

E se un uomo ci vede così, perché fargli cambiare idea?

7. Comunque vada…

Foto: web
Foto: web

Male che vada, non è la fine del mondo.

Non lo è mai.

Magari da un simpatico messaggino o da un appuntamento che avete organizzato voi non nascerà una grande storia d’amore, magari sarà solo una piacevole parentesi, o forse l’inizio di una bella amicizia.

O forse non vi rivederte mai più.

Ma male che vada avrete sprecato un sms.

Ma se andasse bene?