diredonna network
logo
Stai leggendo: Calo del desiderio maschile: è normale?
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

Calo del desiderio maschile: è normale?

Salve, sono una ragazza di 22 anni e sto con un ragazzo di 27 da ormai un anno e mezzo… all’inizio facevano l’amore molto frequentemente… adesso sia per impegni sia perché lui sostiene di aver trovato un equilibrio lo facciamo 1 massimo 2 volte a settimana… la cosa che più mi preoccupa è che prima era quasi sempre lui a prendere l’iniziativa… ora questo desiderio sembra essersi affievolito, mi chiedo se sia normale nonostante la giovane età che ci sia questo ‘calo’. Grazie in anticipo

Domanda di Anonimo

La risposta dell'esperto

Nel primo periodo di frequentazione, l’innamoramento produce nel corpo un’elevata quantità di endorfine, la droga dell’amore. Quel senso di stordimento e di confusione che ci porta a stare con la testa fra le nuvole ed a pensare intensamente solo al partner.
In questa fase, i sensi sono tutti all’erta, sia mentalmente che fisicamente, e ne risente anche l’intesa sessuale che è all’ennesima potenza. Terminata la fase dell’innamoramento, le emozioni intense si affievoliscono di intensità per lasciar spazio ad un sentimento più profondo e stabile che è quello dell’amore. A questo punto può esserci anche una riduzione dei rapporti sessuali, pur mantenendosi la coppia affiatata ed innamorata.

Una frequenza di 1 o 2 rapporti a settimana, solitamente non è considerato un dato allarmante anche in una coppia giovane, soprattutto perché tu stessa ammetti che avete impegni, a lui sta bene così e probabilmente non vivete insieme…
Nella tua domanda, tra le righe, percepisco però una sottile preoccupazione, come se questo fosse un dato sinonimo di “crisi” o di diminuzione d’interesse per te.

Allora ti invito a farti qualche domanda: sei felice con lui? Hai fiducia e rispetto in lui? Senti che ti manca qualcosa? Vorresti migliorare il vostro rapporto?
Tutti i tuoi pensieri e le tue preoccupazioni possono essere però facilmente risolte parlandone con lui. Aumentare la qualità della comunicazione in coppia è sempre il consiglio migliore perché aiuta a confrontarsi, a chiarire le posizioni reciproche, a sottolineare responsabilità reciproche ma anche obiettivi e interessi specifici.
Vedrai che parlandone con lui, rendendolo partecipe dei tuoi dubbi, riuscirai a trovare le risposte che cerchi!

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Risponde Dottoressa Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.

Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono – Psicologa Psicoterapeuta

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Consulta le risposte della Dottoressa Cristina Colantuono e degli altri esperti su: