diredonna network
logo
Stai leggendo: “Ho tradito mio marito e lui non riesce a perdonarmi”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

"Ho tradito mio marito e lui non riesce a perdonarmi"

Salve dottoressa ho 26 anni e sono mamma di due bambini uno di 9 e una di 1. Sto con mio marito da 11 anni e 5 anni fa dopo 2 anni che eravamo lasciati ho incontrato un uomo che in quel momento di fragilità le piccolissime attenzioni che mi dava mi facevano stare bene premetto che a parte un bacio non c’è stato niente di più ma delle persone hanno riferito al mio ex che tra me e questo ragazzo c’era stato un rapporto sessuale.

Lui imbestialito è venuto ad urlarmi parole diffamanti e io in quel momento ho avuto paura di poter ferire anche mio figlio che all’epoca aveva 4 anni allora ho fatto tutto il possibile per fargli capire che non c’era stato niente e che potevamo ricominciare da capo e recuperare il nostro rapporto. Dopo quel giorno a lui riferiscono di questo bacio che io ho ammesso e lui ha messo in discussione tutto dandomi della bugiarda…… ecc.

Da allora sono passati 5 anni e la situazione non è cambiata abbiamo avuto un’altra bambina pensando che con l’arrivo di lei lui sarebbe cambiato ma niente abbiamo battezzato la bambina e deciso che nella stessa occasione ci saremo sposati (io ero sempre convinta che con il matrimonio gli avrei dato qualche sicurezza in più) ma non è cambiato nulla. Adesso sono esasperata perché ogni cosa che io faccia giusta o sbagliata che sia per lui è pretesto di lite e di mettere in mezzo anche questo ragazzo.

Le faccio un esempio di pochi giorni fa dovevo andare dal dentista e lui mi rinfacciava che mi pagava il dentista e che io lo sfrutto perché se no non sarei presentabile agli occhi di quel ragazzo. Sono veramente stanca e stufa mi vergogno di tutto e di tutti come mi devo comportare non so.

Domanda di Ragazza triste

La risposta dell'esperto

Carissima,
parliamo di un problema di fiducia, parliamo di una storia che va avanti da tantissimo tempo e non può andare avanti per inerzia, senza quindi l’impegno giusto per farla andar sempre meglio. Quando parlo delle storie di coppia le paragono sempre a delle piantine: scegli quale piantina ti piace di più, la porti a casa e scegli per lei il posto più giusto per farla stare il meglio possibile, alla luce, lontana dalla luce, fuori, dentro.

Poi te ne prendi cura tutti i giorni, controlli che la terra sia umida, le dai acqua, le togli le foglie secche, fai le potature necessarie…. E solo così potrai contribuire al suo benessere, potrai controllare che stia sempre bene ed avrai sempre la dimostrazione che te ne stai prendendo cura nel migliore dei modi perché l’aspetto delle foglie e del tronco te lo farà capire. In una coppia funziona allo stesso modo!

Da quello che racconti, lui sembra essere ancora ferito da quell’episodio, non è il bacio in sé il problema ma la perdita della fiducia che ha causato. Episodi del genere sono dei traumi e vanno elaborati come tali, va compreso quello che è successo, perché, quali sono le emozioni e le aspettative dell’altro, ci si deve confrontare, parlarne fino a che è necessario… e una volta sviscerati tutti i significati si può pensare di ricostruire tutto.
Secondo me questo non l’avete fatto… e allora è arrivato il momento.

Se vuoi migliorare il tuo rapporto ed evitare di subire ancora gli strascichi di quella debolezza, fermatevi e parlatene e se necessario fatevi aiutare da uno psicologo con un percorso di coppia!

Valutazione: 3.0. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...

Risponde Dr. Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono - Psicologa Psicoterapeuta* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento