diredonna network
logo
Stai leggendo: “Perché quando voglio qualcuno ogni volta va male?”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

"Perché quando voglio qualcuno ogni volta va male?"

Salve. Ho 28 anni e da quando mi sono lasciata due anni fa, va tutto male. Il lavoro ma soprattutto l’amore. Ogni volta che mi interessa davvero qualcuno c’è sempre qualcosa che non va. Ho conosciuto un ragazzo l’anno scorso ma si è rivelato un bugiardo approfittatore. Dopo aver sofferto un anno per lui, e ancora ci sto male, ho conosciuto altri che mi piacevano il giusto con cui sono riuscita ad andare a letto senza coinvolgimenti più di una volta. Poi arriva lui. Bello, esattamente il mio tipo. Abbiamo passato la serata a chiacchierare mentre I nostri amici ballavano ed è venuto fuori che è fidanzato da sei anni e vive a Milano ma sogna di tornare nella nostra Toscana e mollare lei anche se dice di esserci legato nonostante non la ami più. Lui mi ha fatto capire che non gli sono indifferente ma da quando ci siamo salutati non c’è stato un messaggio. Niente. Ed io penso continuamente a lui… Sono io che sono sbagliata? Perché quando voglio qualcuno ogni volta va male?

Domanda di HollyG

La risposta dell'esperto

Cara Holly,
la vita è formata da tanti vasi comunicanti che si condizionano a vicenda, come va male uno, gli altri ne risentono. E questo perché un lavoro poco soddisfacente provoca un umore basso, disistima, rabbia, incertezza… che inevitabilmente incide sulla modalità con cui affronti la vita ed il tuo rapporto con gli altri.
Difficile riuscire a lasciarsi alle spalle l’insoddisfazione per un aspetto così importante come il lavoro.
E conseguentemente, a specchio, anche l’amore risente di questo perché riguarda anche l’atteggiamento con cui ti poni, che impressione dai e quindi quanto appeal hai verso l’altro.

Nei rapporti umani è necessario lasciarsi andare per essere sé stessi e per permettere alle emozioni di venir fuori e se sei preoccupata per la tua precarietà, tutto questo non si verifica.
Non pensare quindi che sei sfortunata, che sei destinata a rimanere sola… cioè non cercare fuori di te la motivazione di quello che vivi. Comincia ad analizzare cosa fai tu per alimentare questo vortice negativo, che responsabilità hai, quali meccanismi errati metti in atto e cosa puoi fare per far cambiare le cose. Domandati “che immagine offro di me?”, “che impressione faccio sugli altri”?

L’incontro con l’uomo giusto spesso è una questione di fortuna senza dubbio ma il far funzionare un rapporto non è fortuna, è capacità!
Il mio consiglio allora è quello di non farti condizionare dall’insicurezza e dal pregiudizio, goditi il tuo tempo libero e le tue serate fuori solo per il gusto di divertirti e di conoscere gente nuova.
Non vederti come una sfigata, incapace di innamorarsi di quello giusto ma anzi utilizza sempre un atteggiamento di apertura e di fiducia, del “se sono rose fioriranno”, “o la va o la spacca” oppure “chi vivrà, vedrà”. E questo perché spesso siamo noi stessi ad etichettarci ed a condizionarci la vita.

Se conosci un ragazzo e non ti aspetti niente da questa nuova conoscenza, possono accadere solo due cose: il rapporto non va oppure il rapporto decolla.
Nel primo caso sarà tutta esperienza in più, una situazione che hai già vissuto e che quindi conosci e soprattutto che può capitare a tutti (le cose si fanno sempre in due!) anche a te. Non aspettandoti niente, gli effetti di questa delusione saranno molto meno gravi.
Nel secondo caso invece, proprio perché non ti aspettavi nulla, la sorpresa e la soddisfazione saranno tali che ti permetteranno di ricrederti finalmente, di riacquistare fiducia e di viverti un rapporto soddisfacente.
Quindi, quello che devi attuare, è un cambiamento di mentalità. E vedrai che poi, a cascata, cambieranno tantissime altre cose nella tua vita !

Valutazione: 4.2. Su un totale di 5 voti.
Attendere prego...

Risponde Dottoressa Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.

Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono – Psicologa Psicoterapeuta

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Consulta le risposte della Dottoressa Cristina Colantuono e degli altri esperti su: