diredonna network
logo
Stai leggendo: Vuoi Passare Tutta La Tua Vita Con Lui? Ecco Ciò Che Devi Sapere

Vuoi Passare Tutta La Tua Vita Con Lui? Ecco Ciò Che Devi Sapere

Tra chi recita "Chi si somiglia si piglia" e chi scrive “Va dove ti porta il cuore” , resta il fatto che le nostre scelte sentimentali, molto spesso, si fondano... su ragioni sbagliate!
(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

Non è affatto semplice saper riconoscere la persona con la quale arrivare all’altare, lo è ancor meno instaurare un rapporto di coppia perfetto. Soprattutto che sia stabile, sano e appagante.

Trovare la persona giusta significa in primis smettere di perdere gli anni migliori della propria vita in relazioni tossiche, che distruggono tutte le nostre energie.

Bisogna ammetterlo, questo genere di storie lascia cicatrici profonde, che richiedono tante risorse per rimarginarsi.

Le persone sbagliate ti tolgono, ti diminuiscono, ti portano a credere di non valere nulla e fanno calare l’autostima sin sotto il tuo “tacco 12”; meglio più alto così magari ci impiegano più tempo!

Ecco. Considerato ciò, cerchiamo di compiere scelte un attimo più oculate e assumiamoci le responsabilità del nostro benessere.

Pensare di condividere la propria vita accanto a qualcuno da amare e che ci ami, verso il quale ci si sente attratte ed innamorate è un’ottima spinta di crescita.

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

Che vita sarebbe se non desiderassimo l’unione con gli altri?

Non per niente le persone da evitare sono proprio quelle che non sanno amare e non sono realmente interessate ad alcun un legame autentico.

Per evitare passi falsi ed infelicità dopo aver compiuto il grande passo sull’onda del batticuore, prendiamoci del tempo per conoscere il partner.

Poniamoci domande, chiedendoci  se c’è nella coppia la volontà di condividere progetti, esperienze, se parliamo di infatuazione o di amore.

La passione, l’euforia, tipici dei primi tempi di frequentazione possono  realmente celare quelle caratteristiche della persona che amiamo, o crediamo di amare, che col tempo non riusciremmo più a tollerare.

Se non vogliamo essere assaliti dai dubbi e pensare di aver sposato la persona sbagliata, stiliamo una lista con alcuni consigli:

1. Capire se si hanno gli stessi valori

Nel  matrimonio bisogna avere obiettivi comuni se si vuole crescere insieme.

Partendo dalle questioni serie, come ad esempio l’intenzione di avere dei figli e di occuparsene assieme.

Avere intenzione di  acquistare una casa e decidere dove andare a vivere.

Conoscere le passioni di entrambi, ritagliarsi quotidianamente del tempo libero e avere rispetto reciproco.

Meglio si conoscono i propri valori, i propri stili di vita, più opportunità di successo avrà il vostro rapporto.

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

2. Non basta la chimica, serve il carattere

L’attrazione fisica, lo sconvolgimento ormonale ed emotivo, sono importanti ma non bastano; il carattere lo è molto di più!

Per evitare di scoprire solo dopo il matrimonio la vera natura di chi ci sta accanto, apriamo gli occhi e osserviamo i suoi comportamenti.

Quali rapporti ha con la propria famiglia?

Quanta gratitudine esprime verso i genitori?

Quanto è umile con gli altri?

Come manifesta la propria rabbia?

Se i suoi modi sono irriconoscenti non apprezzerà mai ciò che faremo per loro.

Diversamente, se una persona è felice con se stessa, ha una stabilità nelle relazioni e nel lavoro, allora l’obiettivo è centrato!

Abbiamo accanto qualcuno sul quale possiamo contare.

3. Sincerità e trasparenza sin dal primo giorno

Essere leali sin dall’inizio è un principio fondamentale.

Le cose non dette, prima o poi vengono a galla e più difficile sarà riconquistare la fiducia in futuro.

Cosa devo sapere per essere certa di sposarti?

Molte coppie compiono l’errore di non essere oneste sin da subito, al contrario, discuterne sarà un ottimo modo per testare la forza del vostro rapporto.

È necessario avere ben chiaro cosa si vuole e soprattutto chi non si vuole.

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

4. Libertà di esprimersi

Parliamo della felicità di convolare a nozze: non confondiamole con un martirio.

La relazione con una persona fa aumentare il rispetto che abbiamo per noi stesse, il desiderio di essere libere di manifestare i propri punti di forza, le proprie opinioni, la propria personalità.

Dunque: mi fido dei suoi giudizi?

Li temo? Se vi sentite continuamente controllate per ciò che dite, fate, indossate allora è possibile che siete capitolate in una relazione che prima o poi vi soffocherà.

5. Soddisfare bisogni reciproci

In una relazione è inevitabile che vi siano bisogni emotivi che vadano appagati.

Noi donne chiediamo attenzione, affetto, ammirazione.

A loro volta gli uomini, per sentirsi amati, desiderano rassicurazione, incoraggiamento e dedizione.

Sia per dare che per ricevere è necessario lavorarci insieme, qualora ci si renda conto di percorrere strade diverse è meglio lasciar perdere.

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

6. Non pensare di cambiare

L’errore di valutazione più comune in una donna, è convincersi  che per amor suo lui cambierà dopo il matrimonio.

Quello più comune in un uomo è illudersi che lei non cercherà di cambiarlo.

Approccio sbagliato, non c’è garanzia che il cambiamento avvenga e soprattutto che avvenga in meglio.

Non basta l’amore per compiere questo miracolo.

Non ci si può adeguare per tutta la vita, il tempo non genera vizi o difetti inaspettati, piuttosto li acuisce.

Poi, per carità, tutti possono cambiare!

7. Siamo noi gli artefici della nostra felicità

È molto importante ricordare che nessun altro è responsabile della nostra felicità, al di fuori di noi.

Se siamo infelici e insoddisfatti, non è sufficiente sposarsi per trovare serenità.

I problemi che riguardano noi stessi vanno affrontati alla radice lavorandoci su.

Non trasciniamoci fardelli inutili all’interno della vita matrimoniale, sperando che qualcun altro li affronti al nostro posto.

Possiamo farcela siamo multitasking… noi!

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

8. Evitare persone insicure e dipendenti

Molte coppie arrivano all’altare titubanti o dubbiose.

No, non è ammissibile.

Non siamo al patibolo.

Ad esempio uomini troppo legati alla mamma, alla loro cucina; basta poco per ritrovarsi ad essere in tre anziché in due.

Lo stesso vale per quelle donne occupate a far fronte ai problemi personali, ansie, insicurezze e depressioni.

Bisogna essere in grado di bilanciare i legami e cercare di non essere dipendenti da questi.

Ovviamente parliamo anche di lavoro, sport, shopping e superalcolici.

In caso contrario ecco la ricetta per il disastro.

9. Provare la convivenza

Come si può capire se quella che abbiamo accanto è la persona giusta?

La convivenza è la prova del nove.

Andandoci a vivere insieme per un po’, dividere lo stesso tetto, anche per una breve vacanza, è un metodo infallibile.

La quotidianità può aiutarvi a schiarire le idee, quello di essere disordinato o lento nel prepararsi potrebbe indurvi a riconsiderare il vostro rapporto.

Se siete la personificazione dell’ordine e dell’efficienza queste saranno scoperte spiazzanti, ma nulla vi impedirà di valutare se a fronte di questi difetti si nascondono altre doti.

(foto: weheartit.com)
(foto: weheartit.com)

10. Mantenere la calma per evitare la rissa

Se vivessimo su un’isola deserta il rapporto con la nostra anima gemella sarebbe idilliaco.

Non uno screzio, non un litigio, solo io e te, te ed io, in pratica un sogno.

Ma non è così, torniamo alla realtà. Le interferenze che provengono dall’esterno sono mine vaganti all’interno della coppia.

Schierarsi uno contro l’altro non porta a nulla.

È qui che entra in campo la comprensione; se uno è nervoso l’altro deve cercare di assecondare il momento dandosi una spiegazione.

Lasciamo fuori le tensioni, altrimenti ogni scusa sarebbe buona per accendere la miccia.

L’amore si trasforma, e lo farà sorprendendoci piacevolmente.

I difetti no, non si nascondono, non cambiano, e se lo fanno virano al peggio.

Salviamoci finché siamo in tempo!