diredonna network
logo
Stai leggendo: Come Sopravvivere Alla Gelosia: Manuale Per Giovani Donne Pazze

Chi sono gli uomini che amano le donne transgender

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

Si può tradire senza sesso?

Il sesso secondo il tuo segno zodiacale: scopri la tua posizione

Pausa di riflessione: quando può essere utile e quando è una scusa per lasciare

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

"Litighiamo sempre perché preferisce la PlayStation a me"

Separazione dei beni: quando è consigliata e cosa accade in caso di decesso

"Sono ancora vergine e non riesco a fare l’amore"

Come Sopravvivere Alla Gelosia: Manuale Per Giovani Donne Pazze

Un manuale per salvare se stesse, il proprio fegato e la vostra storia che vi aiuti a sconfiggere, almeno momentaneamente, quel mostro sanguisuga che risponde al nome di gelosia.

Alzi la mano chi può sinceramente dichiarasi NON gelosa.

Voglio un certificato medico che lo provi perchè è scientificamente impossibile.

Noi esseri umani dal cromosoma XX se siamo innamorate siamo anche maledettamente gelose.

Dicono che la gelosia non è stata ben inquadrata nemmeno in psicologia: è considerata un’emozione, uno stato d’animo ma anche un sentimento e si accompagna da modificazioni psico-fisiologiche e pure estetiche a mio avviso.

Diventiamo più brutte quando la vena si chiude e non riusciamo a vedere altro se non un fuoco rosso che brucia, trasformando la persona più mite e timida in un unno assatanato.

Purtroppo è un qualcosa di talmente forte che occupa gran parte del proprio vissuto emotivo e cognitivo.

Ovviamente nero su bianco tutto questo pare fantastico, peccato che metterlo in pratica sia impossibile. Loro non lo capiscono, noi invece pazze psicotiche lo sappiamo bene. Calma e respira.

Mai pensato allo yoga?

Per sopravvivere all’ira funesta, ci sono 4 tipi di gelosia da evitare assolutamente.

(foto:Web)
(foto:Web)

Gelosia verso l’ex

Il fantasma di questa rivale spesso è più potente di qualsiasi donna in carne ed ossa che ci circonda (e lo circonda).

È tutta una questione di insicurezza e soprattutto di competizione femminile che abbiamo nel dna.

Se potessimo far sparire l’ex dalla faccia della terra, sarebbe un gran sollievo, peccato che se ci fermiamo a ragionare un attimo, anche noi siamo delle ex per qualcun’altra.

Se è ex un motivo ci sarà, soprattutto se è lui ad averla lasciata.

Il fatto che sia totalmente diversa da noi è un punto a favore: non ci ha scelte per uno standard prefissato nel suo cervello, ma per come siamo.

E noi vinciamo su di lei senza troppi sforzi, basta chiederlo alle amiche. Confermeranno in ogni caso.

La soluzione

Ignorare.

Pensare ai nostri ex e al fatto che mai nella vita torneremmo con loro, quindi perchè non credere che sia così anche per lui?

Trasformiamoci in ghostbusters del nuovo millennio e sbarazziamoci di questo inutile fantasma, che come tutti i corpi extra-terreni non esiste.

(foto:Web)
(foto:Web)

Gelosia verso i suoi amici

Quando il fattore G. è alto, purtroppo capita di essere delle iene anche nei confronti dei suoi amici.

Passano molto tempo insieme? Hanno i loro segreti?

A parte che un uomo è sempre molto più terra a terra di noi donne e probabilmente quando si ritrovano parlano di calcio, musica, serate e altre cose di cui a noi non può fregar di meno.

Se lui dovesse toglierci la possibilità di stare con le nostre amiche come reagiremmo? Io non vivrei, lo ammetto.

La soluzione

Alleati con loro.

Cerca di essere sempre disponibile, simpatica e sorridi anche quando il simpaticone della compagnia crede di essere sul set dei “Soliti Idioti” e fa battute maschiliste talmente pessime che una palla di fieno inizia a rincorrere nuvole nel nostro cervello.

Lasciagli i suoi spazi, sono essenziali per fare in modo che sfoghi tutta la sua stupidità maschile per qualche ora e tornare ad essere maturo e sensibile con noi.

(foto:Web)
(foto:Web)

Gelosia verso tutte le donne

Donne contro donne.

Da sole potremmo creare la terza guerra mondiale.

Abbiamo un qualcosa nel cervello che ci butta a terra (in particolare in quei giorni) e fa in modo che qualsiasi essere vivente sia migliore di noi, soprattutto esteticamente. “quella è più alta” “quella ha più seno” “quella ha i capelli come in un film della Walt Disney”.

E il nostro fegato si corrode in meno di un quarto d’ora.

La soluzione

Sembra banale ma primissima cosa, mai far notare a lui le super caratteristiche di un’altra.

Cerca sempre di non lasciarti andare e continua a curarti come il primo giorno, fa bene anche all’autostima.

E se proprio ti senti a terra e credi di essere un mostro, vai tranquilla con il metodo migliore di sempre: comprati un paio di scarpe.

Fallo davvero, ma non tormentare lui che nella sua tenera banalità magari poi inizia davvero a far caso ai tuoi difetti.

(foto:Web)
(foto:Web)

Gelosia investigativa

Questa è la forma di gelosia più autodistruttiva che l’essere umano conosca: il vostro cervello inizia a inventare sceneggiature che potrebbero essere dei veri e propri kolossal senza senso.

La ricerca di indizi non si ferma davanti a nulla: cellulare, e-mail, tasche, portafogli, una telefonata al vostro amico hacker per rubare la password … Ma perchè?

I casi sono due o l’insicurezza è patologica, nel senso che va proprio curata, oppure la storia è al capolinea e si cerca di uscirne, in modo vigliacco, incolpando l’altro.

La soluzione

Fatevi un bell’esame di coscienza. Voi non avreste problemi se lui cercasse ovunque perchè non avete nulla da nascondere, chiaro.

Ma non tutte le persone hanno lo stesso carattere e a qualcuno potrebbe dar fastidio una violazione della privacy così massiccia e mandarvi quindi a quel paese.

Avrebbe anche ragione. Se il vostro sesto senso ha dei dubbi, passate all’azione semplicemente mettendolo con le spalle al muro.

Poveri uomini, noi sempre a criticarli, ma fidatevi, non sono così furbi.

Se messi in un angolo con la coscienza sporca crolleranno immediatamente.

È più chic e vi fa sembrare sicuramente meno pazze.