diredonna network
logo
Stai leggendo: Le Donne sono Più Romantiche… Dopo Aver Mangiato. Lo Conferma la Scienza

Clitorissima: "Vi presento 'la' clitoride. Perché dobbiamo parlarne alle bambine"

4 cose che non sai sull'imene (compresi i miti da sfatare)

Cosa pensa Rihanna del giorno in cui ha perso la verginità

11 cose che solo le donne che usano la spirale possono capire

Quando Sophie Fontanel scelse la castità: perché sempre più donne praticano l'astinenza

3 falsi miti sull'orgasmo nei 50 video più visti su Pornhub

Separazione dei beni: quando è consigliata e cosa accade in caso di decesso

"Perché ho scelto di continuare a fare sesso per lavoro durante la gravidanza"

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

"Si può essere gay e musulmani: Allah ama l'uguaglianza"

Le Donne sono Più Romantiche… Dopo Aver Mangiato. Lo Conferma la Scienza

Un nuovo studio americano rivela che le donne rispondono al romanticismo quando sono a stomaco pieno. I risultati, pubblicati sulla rivista Appetite, sono in controtendenza con altre ricerche del passato che attribuivano la stessa influenza allo stimolo della fame.
Le donne sono più romantiche…dopo aver mangiato
Fonte: Tumblr.com

Cuore che batte, mani che tremano, sguardo incantato… ecco alcuni sintomi che ogni donna romantica sa riconoscere in un battibaleno. Ma se fino ad ora pensavate che l’attitudine al romanticismo fosse un qualcosa di innato, pronto a manifestarsi sempre e indistintamente in ogni momento, temo dovrete ricredervi. O almeno in parte.

Secondo un nuovo studio della Drexel University di Philadelphia (Usa), infatti, le regioni del cervello femminile collegate alla ricompensa sono più attive dopo aver mangiato e non a stomaco vuoto. Vi state chiedendo cosa voglia dire tutto questo? Semplice: che le donne rispondono agli stimoli romantici con maggiore intensità se sono a stomaco pieno (e non in qualunque circostanza, come da credenza popolare).

Spasimanti di tutto il mondo è bene che lo sappiate: se volete commuovere la vostra fidanzata con una proposta di matrimonio all’insegna del romanticismo, è bene che lo facciate durante una cenetta ad hoc… o almeno dopo esservi sincerati che l’amata abbia mangiato qualcosa.

Vi state chiedendo come è stato svolto lo studio? I ricercatori statunitensi hanno reclutato 20 giovani donne tutte normopeso. La metà di loro in passato aveva provato a perdere peso, l’altra metà non era mai stata a dieta. Tutte sono rimaste a digiuno per otto ore e poi sono state scansionate tramite un apposito macchinario dagli scienziati, mentre vedevano immagini romantiche alternate ad immagini neutre. In questa prima fase dell’esperimento, i livelli di attivazione riscontrati in entrambi i gruppi erano simili. Le 20 donne, quindi, successivamente hanno bevuto una bevanda da 500 calorie e hanno ripetuto la medesima scansione all’interno del macchinario.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Appetite e gli studiosi hanno posto l’attenzione sui risultati ottenuti, in assoluta controtendenza rispetto ad altre pubblicazioni del passato. Stando agli scienziati americani, infatti, l’influenza cerebrale allo stimolo della sazietà (e non della fame come sostenuto in precedenza) sarebbe superiore a quella legata al digiuno. Alice Ely, prima autrice dello studio, ha quindi reso noto:

Abbiamo scoperto che le giovani donne hanno avuto una maggiore attivazione cerebrale in risposta a immagini romantiche, nelle regioni neurali legate alla ricompensa, dopo aver mangiato rispetto a quando erano affamate.

Ma non è tutto. Secondo i ricercatori, questi dati suggeriscono come mangiare possa anche preparare o sensibilizzare le giovani donne a ricompense che vanno oltre il cibo. Lo studio, quindi, supporterebbe anche l’esistenza di un circuito cerebrale condiviso tra cibo e sesso. Prosegue Alice Ely:

Basandoci su un precedente studio, abbiamo ipotizzato che una persona, dopo aver mangiato, possa essere maggiormente sensibile anche ad altri tipi di gratificazione, non solo alimentari. Così abbiamo testato l’attivazione cerebrale anche durante la visione di immagini romantiche.

E il percorso di risposta ottenuto davanti a questi nuovi stimoli è risultato del tutto simile a quello rilevato in precedenza: le risposte cerebrali, infatti, sono risultate le stesse.

La pancia piena, quindi, ci rende più romantiche ragazze? In attesa di un nuovo contrordine sembrerebbe proprio di sì. Del resto una cenetta a lume di candela, mano nella mano e cuore nel cuore, come potrebbe non farci sentire tutte delle romanticone? Concordate con noi amiche?