diredonna network
logo
Stai leggendo: Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

Siete in un periodo no per la coppia. E allora perché non provare a riconquistare l'intimità perduta con un massaggio lingam, il massaggio tantra per il pene?
Massaggio lingam
Fonte: Pixabay

Lingam è una parola che ha un significato ben preciso: in sanscrito vuol dire «pene». E il massaggio lingam è un massaggio tantra che si pratica al pene del proprio partner. Il fine ultimo del massaggio è il raggiungimento dell’intimità, non l’orgasmo, non il piacere in senso stretto – che appunto è un concetto non fondamentale quando parliamo di tantra. E, come per il sesso tantrico, anche il massaggio lingam è decisamente durevole, tra i 45 e i 60 minuti e ovviamente non comprende solo il pene, ma anche le parti del corpo afferenti all’organo sessuale e perfino quelle non afferenti, come la testa.

Eh sì, metaforicamente possiamo concludere che davvero il sesso e l’intimità sono questioni mentali. Ma dobbiamo anche ricordare che questo massaggio basa la sua efficacia sulle terminazioni nervose e sull’energia che si sprigiona.

Massaggio lingam: come si fa?

Massaggio lingam
Fonte: Pixabay

Intanto, vale la pena preparare il luogo dove il massaggio avverrà. Deve essere un luogo né troppo caldo né troppo freddo. Deve presentare un piano confortevole, perché l’uomo deve stare sdraiato e deve essere nudo. La donna non deve, ma sicuramente è meglio per una serie di ragioni: rafforza l’intimità e magari si sta anche più comode. Si comincia con delle carezze sull’intero corpo: la testa, le gambe, l’addome, le braccia e così via. Non si arriva subito al clou.

Quando si arriva alla zona del pene, si può ricorrere all’utilizzo dell’olio. Può essere un’olio essenziale che di solito di utilizza in questi casi, ma anche dell’olio lubrificante. Se avete ancora l’olio per il massaggio perineale che avete utilizzato prima di partorire e non è ancora scaduto, quello è ottimo, così come l’olio per l’allattamento. Poi si passa al massaggio del pene vero e proprio, dilungandosi anche sui testicoli, sul perineo e infine sulla prostata. Durante tutti i passaggi, bisogna respirare profondamente: mai trattenere il respiro, il relax è d’obbligo.

Alcuni uomini presentano dei pregiudizi in merito all’avvicinarsi alla prostata, per cui si deve essere estremamente delicate e non far sentire l’uomo violentato. È infatti bene fargli sapere prima in cosa consista il massaggio lingam, perché si rischia di arrivare a questo punto e perdere tutta l’intimità conquistato fino ad allora. Bisogna ricordare sempre che stiamo parlando di un massaggio, non di un esame della prostata (anche se magari può essere utile a capire se va tutto bene da quelle parti). Il massaggio non si può fermare, o si compie un danno sul corpo, che, secondo il tantra, sta sprigionando le sue energie.

Massaggio lingam, i benefici

Il primo grosso beneficio è un beneficio di coppia: si può raggiungere un’intimità mai provata prima, soprattutto qualora questo massaggio aiuti a superare determinate inibizioni a letto – sia da parte dell’uomo che da parte della donna. Un altro grosso beneficio consiste nel fatto che la stimolazione della prostata è salutare nell’uomo. E l’uomo può anche ricevere una consapevolezza maggiore del proprio corpo, così come la donna può imparare a conoscere meglio tutte le sue zone erogene. È meglio fare tutto a occhi chiusi, la conoscenza reciproca ha a che vedere anche con le sensazioni tattili.

Il massaggio yoni

Massaggio lingam
Fonte: Pixabay

L’omologo femminile del massaggio lingam è il massaggio yoni: «yoni» vuol dire infatti «vagina» o comunque si riferisce all’organo sessuale femminile. È in tutto e per tutto simile: non si tratta di una semplice masturbazione, è figlio del tantra e quindi permette lo sviluppo di energia e una grande intimità tra chi lo pratica. Quando si arriva al bacino, si inizia a massaggiare intensamente il clitoride – badando di non arrivare all’orgasmo, anche se in fondo… può succedere – per poi passare alla ricerca del punto G e la stimolazione di altre zone erogene afferenti. Se il proprio partner è una donna anche meglio: alla fine del massaggio ci si può scambiare le parti.