diredonna network
logo
Stai leggendo: Se La Moglie È Felice Il Matrimonio È Eterno, Lo Conferma La Scienza

"Tra pochi giorni mi sposo, dovrei essere felice e invece non lo sono"

Astinenza sessuale: le ragioni, gli effetti e le conseguenze

Perché gli uomini con i capelli rossi sono i donatori di sperma più ricercati

I segnali per riconoscere un uomo con la sindrome di Peter Pan

Fidget Spinner: i ragazzini lo usano (anche) come sex toy

"Perché quando voglio qualcuno ogni volta va male?"

Questo sito ti dice se la tua relazione durerà

Se lui è incapace di amare: come comportarsi con un uomo anaffettivo?

"Cosa vuol dire questo bacio?": 8 tipi di bacio e significato

Fare sesso una volta a settimana rallenta l'invecchiamento

Se La Moglie È Felice Il Matrimonio È Eterno, Lo Conferma La Scienza

Il tassametro della felicità di coppia è donna: è stato scientificamente provato che una coppia sposata è felice solo quando lo è la moglie. Ecco cosa dicono i test.
(foto: Web)
(foto: Web)

Quando pretendiamo di avere sempre ragione,  il nostro partner dovrebbe darcela a prescindere dato che, secondo la scienza, un matrimonio è felice se lo è la moglie.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Marriage and Family, pare infatti che sia la donna di casa a dettare l’umore in famiglia e a decidere, attraverso la sua serenità, se è un matrimonio più o meno felice.

Quando la moglie è soddisfatta della vita coniugale lo è di riflesso anche il marito, il contrario invece non è così scontato.

La felicità dell’uomo non influenza quella della moglie, com’è invece viceversa.

Un risultato reso pubblico solo dopo diversi esperimenti, come quello condotto dalla Rutgers University del New Jersey, durante il quale hanno partecipato 394 coppie di anziani, sposate da molto tempo.

Il piccolo test sulla qualità e la serenità del loro rapporto è stato il seguente: i ricercatori hanno sottoposto entrambi i coniugi a diverse domande sulla loro vita privata, come la frequenza di dialogo, cosa infastidiva o meno dell’altro.

Dopodiché marito e moglie hanno annotato su un foglietto cosa li aveva resi felici delle 24 ore precedenti, e se si erano svolte delle attività insieme, come coppia.

Il risultato è stato sorprendente:

“Dalla ricerca è emerso che il livello di felicità del marito si alza se ha accanto una moglie soddisfatta della sua vita coniugale e scende se la sua compagna è infelice. La donna, invece, non viene intaccata allo stesso modo dalla felicità del marito”

Una cosa che forse ci si aspettava, ma non con tale dislivello.

Senza scadere in stereotipi, la sociologa Deborah Carr ha affermato che probabilmente lo studio ha evidenziato questa grande diversità poiché le donne sono molto più portate a parlare delle loro emozioni rispetto ai mariti.

L’uomo tende a non esprimere i suoi pensieri infelici e in questo modo non attacca nemmeno la stabilità del rapporto.

I coniugi hanno anche un modo diverso di gestire la malattia del proprio partner: ovviamente le donne reagiscono in modo più negativo e si preoccupano maggiormente.

Gli uomini invece riescono a mantenere la calma, quella che poi noi etichettiamo come menefreghismo.

Donne sorridiamo, che questi uomini in fondo ci amano davvero. (E hanno tanta tanta pazienza)