diredonna network
logo
Stai leggendo: I 10 Pensieri di Ogni Ragazza che Incontra per la Prima Volta i Genitori di Lui

I 10 Pensieri di Ogni Ragazza che Incontra per la Prima Volta i Genitori di Lui

Avete una storia con un ragazzo che vi piace tantissimo da qualche mese, e lui vi ha chiesto di conoscere i suoi genitori? Ecco un elenco delle 10 cose che normalmente le ragazze pensano prima di incontrare i genitori del proprio fidanzato: qualcuna vi suona particolarmente familiare?
fare-buona-impressione
fonte: web

Il momento è arrivato, ed anche se speravate di avere ancora un po’ di tempo a disposizione ormai non potete più prorogare: è ora di incontrare per la prima volta i genitori del vostro fidanzato, e la sola idea vi manda nel panico più assoluto. Non importa se siete poco più che ventenni o se siete delle donne adulte, non importa se la vostra relazione non vi convince al 100% o se invece con lui questa volta state davvero facendo le cose sul serio: incontrare i genitori del proprio fidanzato per la prima volta è sempre e comunque un trauma. E che nessuno si azzardi a chiamarli “futuri suoceri”: potrebbe solo peggiorare le cose.

Sappiate però che siete in buona compagnia: difficilmente una ragazza che deve incontrare i genitori del suo fidanzato per la prima volta riesce a mantenere la calma. Ecco allora un elenco delle 10 cose che una ragazza normalmente pensa quando incontra per la prima volta i genitori del suo fidanzato: scommettiamo che sono le stesse cose che pensate voi proprio in questo momento?

1. E adesso cosa mi metto?

cosa-mi-metto
fonte: web

Solitamente, il guardaroba di ogni ragazza è diviso almeno in tre parti: vestiti  seri e professionali per andare a lavorare, vestiti tipo tute e pantaloni comodi per il tempo libero e la palestra, abbigliamento da attacco per uscite, aperitivi e serate con gli amici. Dove conviene cercare il vestito più adatto per il primo incontro con i genitori del vostro lui?

Lasciando sicuramente fuori dalla scelta tute di flanella e completini da spinning, forse per un primo incontro è meglio scegliere un abbigliamento soft, stile brava ragazza o impiegata modello, ovviamente a seconda della vostra età. Niente gonne troppo corte, magliette semitrasparenti, spalle scoperte, scollature che lasciano intravedere l’ombelico, pantaloni di pelle, camice aderentissime, ma neanche tailleur da hostess o vestiti troppo grigi e seriosi. La domanda è: scartando tutti questi capi di abbigliamento, nel vostro armadio è rimasto qualcosa o dovete assolutamente andare a fare shopping per l’occasione? 

2. Devo portare qualcosa?

devo-portare-qualcosa
fonte: web

È una delle regole del galateo, da tenere assolutamente presente in circostanze come questa: mai, e dico mai, presentarsi a casa di qualcuno che ci ha invitato a pranzo o a cena a mani vuote, a maggior ragione se chi vi ha invitate sono i genitori del vostro ragazzo. È molto importante, però, scegliere con attenzione cosa portare, per evitare di collezionare subito la prima, sonora figuraccia.

Non preparate un dolce da portare a cena, a meno che non siate delle pasticcere professioniste o non siate una delle concorrenti dell’ultima edizione di Masterchef: per il primo incontro è sempre meglio andare sul sicuro, mentre per mostrare le vostre doti di cuoca provetta ci sarà ancora tempo. Se volete portare una bottiglia di vino, informatevi bene sul menu, per scegliere tra una bottiglia di rosso o una di bianco, e provata anche a chiedere al vostro ragazzo un consiglio: nella peggiore delle ipotesi potrete sempre cavarvela con un mazzo di fiori per la padrona di casa.

3. Riuscirò a fare una buona impressione?

buona-impressione
fonte: web

Se tenete particolarmente al vostro ragazzo ed al vostro rapporto con lui, è assolutamente normale che la vostra maggiore preoccupazione sia quella di fare una buona impressione ai suoi genitori. La cosa migliore che potete fare è cercare di essere voi stesse, mostrarvi come delle persone bene educate e cortesi (sforzatevi di esserlo, se normalmente non lo siete), e poi pregare intensamente che tutto vada per il meglio.

Già, perché la più grande incognita riguarda l’atteggiamento che loro avranno nei vostri confronti: se vi rendete conto, ad esempio, che il loro unico desiderio è rivedere il figlio insieme alla sua ex, allora state pure serene, non c’è niente che possiate fare per migliorare la vostra situazione! Nella maggior parte dei casi, però, vi troverete di fronte a delle persone che sono semplicemente curiose di conoscervi, quindi tirate fuori il vostro lato migliore e fatevi valere: vi adoreranno!

4. Aiuto, cosa ci sarà per pranzo?

cosa-ci-sarà-per-pranzo
fonte: web

Il menu, purtroppo, rimane una grande incognita. Se ci sono delle cose che proprio non potete o non volete mangiare, ad esempio la carne se siete vegetariane, o qualche alimento che vi provoca problemi a livello fisico per allergie o intolleranze, fatelo presente per tempo al vostro lui, in modo da evitare situazioni imbarazzanti durante il pranzo.

Fatto questo, non vi rimane che incrociare le dita e cercare di fare buon viso a cattivo gioco: se una delle pietanze non è di vostro gradimento, cercate di farvi fare una mini porzione, ma poi mangiate tutto mostrando grande appetito e fate i complimenti alla cuoca, altrimenti vi guadagnerete a vita il titolo di “rompiscatole sempre a dieta”.

5. Oddio, che ho detto!

dire-qualcosa-di-sbagliato
fonte: web

Se normalmente siete persone estremamente spontanee, che parlano senza pensare troppo a quello che stanno per dire, allora prima di parlare contate non fino a 10, ma almeno fino a 99: nel nostro linguaggio quotidiano, infatti, utilizziamo parole che potrebbero dare fastidio ai suoi genitori, soprattutto se, magari, sono persone un po’ all’antica.

In ogni caso, anche se vi trovate davanti ad una coppia di genitori giovanili ed estremamente friendly, stile telefilm americano, cercate sempre di controllare molto il vostro linguaggio. Se poi nel discorso vi dovesse scappare una sonora parolaccia o una frase un po’ troppo spinta, provate a dissimulare il tutto con un colpo di tosse, oppure semplicemente, chiedete scusa e poi cercate in tutti i modi di recuperare i punti persi…

6. Argomenti off limits: di cosa è meglio non parlare?

argomenti-da-evitare
fonte: web

Normalmente un pranzo dura, tra convenevoli e chiacchiere davanti al caffè, un paio d’ore al massimo. La cosa più difficile durante il pranzo è riuscire ad avere una buona conversazione senza inciampare in argomenti “scomodi”, e senza trovarsi in imbarazzo. Tenete presente che i genitori del vostro ragazzo vogliono conoscervi, quindi l’argomento di conversazione preferito sarete senza dubbio proprio voi: evitate allora di parlare di argomenti che possono far scaldare gli animi, come ad esempio la politica, oppure la religione.

Lasciate che siano loro a gestire la conversazione, rispondete educatamente alle domande, ed altrettanto educatamente cercate di evitare quelle a cui proprio non volete rispondere: ricordatevi solo che non è un provino per il Grande Fratello, non è un colloquio di lavoro e neanche un interrogatorio dei servizi segreti, quindi rilassatevi, e siate il più possibile naturali.

7. E se rompo qualcosa?

rompere-qualcosa-casa-dei-suoceri
fonte: web

Se appartenete alla categoria delle fanciulle maldestre, quelle che fanno più danni di un elefante in un negozio di soprammobili di cristallo, allora è comprensibile che siate in ansia all’idea di entrare in casa dei genitori del vostro fidanzato, piena di fragilissimi e costosissimi soprammobili. Che consiglio darvi, se non quello di muovervi con estrema cautela e di tenervi a debita distanza da mobili e mensole?

Se poi il vostro incubo dovesse avverarsi e doveste davvero rompere qualcosa, allora non imprecate, chiedete scusa in tutti i modi ed in tutte le lingue che conoscete, e soprattutto armatevi di santa pazienza, perché nei prossimi giorni la vostra missione sarà girare per negozi alla ricerca del soprammobile distrutto.

8. E se perdo la pazienza?

perdere-la-pazienza
fonte: web

Qualunque cosa accada, a meno che qualcuno non vi manchi evidentemente e intenzionalmente di rispetto, non dovete mai assolutamente alterarvi, alzare la voce oppure perdere la pazienza. Se durante la conversazione viene fuori insistentemente il nome della sua ex, se qualcuno fa un commento che proprio non vi piace mettendovi in difficoltà e sentite che state per perdere la calma, chiedete di poter usare la toilette, alzatevi ed andate a sbollire l’arrabbiatura in bagno.

Al vostro ritorno sfoggiate il vostro migliore sorriso, e state certa che il discorso prenderà una direzione diversa. Nella peggiore delle ipotesi, inventatevi il solito terribile mal di testa, e fatevi riaccompagnare a casa.

9. Le domande a trabocchetto

domande-trabocchetto
fonte: web

La curiosità di una mamma nei confronti della vita privata del figlio non conosce veramente limiti, quindi, state molto attente ad eventuali domande a trabocchetto, con cui tenterà in tutti i modi di conoscere qualche particolare, anche intimo, della vostra relazione.

Fin dove è possibile, rispondete, se siete in dubbio fate rispondere il vostro lui, se state morendo dall’imbarazzo versatevi mezzo bicchiere di vino e sorridete a più non posso. E per farlo, pensate che finalmente è quasi ora di andare a casa.

10. A presto (si fa per dire….)

arrivederci-a-presto
fonte: web

Ce l’avete fatta: siete arrivate a fine pranzo, e tutto sommato ne siete uscite vive e senza riportare grossi danni. Salutate educatamente, ringraziate, dite che sperate con tutto il cuore che ci sarà presto una nuova occasione di vedersi e stare insieme, anche se non è assolutamente vero.

I commenti dei suoi genitori non tarderanno ad arrivare tramite il vostro lui: e se davvero ai suoi siete piaciuta tantissimo, valutate la possibilità di iscrivervi ad una scuola di recitazione, forse avete appena scoperto di possedere un talento nascosto…