diredonna network
logo
Stai leggendo: Relazioni a distanza: quali sono i pro?!!

Come capire se ti ha messo in friendzone e come uscirne

10 motivi per cui puoi avere sanguinamenti vaginali dopo il sesso

4 cose che accadono al corpo dell'uomo e della donna durante il sesso

"Ho 2 vagine: ecco cosa significa per me fare sesso, avere il mestruo e partorire"

4 idee per una serata romantica... a sorpresa!

15 modi scientificamente provati per farlo innamorare

Più che un sex toy vaginale sembra... un "mulino a vento"

10 cose che non sai sul lato B

Educazione sessuale: perché è tempo di concentrarsi sul piacere

Quattro donne confessano: "ecco perché fingo l'orgasmo"

Relazioni a distanza: quali sono i pro?!!

Voi affrontereste e sapreste gestire un rapporto a distanza? Se elencare gli svantaggi di una storia a distanza è fin troppo facile, come la mettiamo con i vantaggi? Proviamo a scoprire se ce ne sono e quali sono.

 

Provate a fermarvi un secondo e a pensare alla sola idea di iniziare una storia a distanza. E quando parlo di distanza non intendo vivere in 2 posti a 20 minuti di macchina tra loro. Non indento tu a Palermo e lui a Milano o viceversa e nemmeno tu in Italia e lui a Berlino, Parigi o Londra. E se tu e lui vivete non solo in due città diverse, ma in due continenti differenti con 9 ore di fuso orario e migliaia di km che dividono i vostri cuoricini? Sui contro siamo d’accordo…e di pro ce ne sono? Vi racconto la mia esperienza così proviamo a scoprirlo.

Quando qualcuno mi chiede “Sei fidanzata?”, io rispondo “Si …”. Poi mi prendo tra i 10 e i 15 secondi di pausa e prima che scatti una di quelle domande scontate tipo “Da quanto state insieme?” o peggio ancora “E lui ovviamente è della tua stessa città, no?”, io parto all’attacco e aggiungo “… ho una relazione a distanza con un meraviglioso ragazzo che vive dall’altra parte del mondo!”. A questo punto le reazioni dell’interlocutore sono variegate : c’è chi reagisce ammirato/meravigliato in positivo, dicendoti “Complimenti! Io non ce la farei mai a gestirla. Ci deve volere una forza!”. C’è chi invece ti guarda con viso intenerito perché gli fai quasi pena e ti fa “Oh, wow!” con intonazione ascendente, la cui traduzione sarebbe “Oh povera stella, deve avere sicuramente qualcosa che non va se non è riuscita a trovarsi un uomo più a portata di mano. Quasi quasi le presento qualcuno a sta sfigata!”. La terza reazione, la mia preferita, è un misto di sorpresa (in negativo) e paura. La replica è sempre “Oh, wow” ma con intonazione discendente e quello che sembra passare per la testa della persona che hai di fronte è: “Ok, mantieni la calma, sorridi e appena si gira corriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii! Questa è una pazza con qualche rotella malfunzionante”. Ebbene sì io leggo tutte queste cose negli occhi della gente!
Sono d’accordo che può sembrare una follia…d’altronde la stessa espressione “relazione a distanza” è una contraddizione in termini. Avere, anzi, affrontare una storia a distanza non è certo cosa facile: devi fare i conti ogni secondo con un’assenza, con un bisogno che non puoi colmare, sebbene la cioccolata sia un buon surrogato! I contro sono storia risaputa. Per questo è sui pro che voglio farvi un attimo ragionare.

Non so voi, ma io non sono mai stata una di quelle ragazze che senza un uomo non sa stare o non si sente completa, che deve essere per forza fidanzata e che per questo, come le scimmie, non molla un ramo se non si è già aggrappata ad un altro. Io ho bisogno di tempo da dedicarmi e dei miei spazi e in una storia a distanza, hai un sacco di tempo per te stessa, sei libera di fare ciò che ti pare, ovviamente nel rispetto del partner, non devi rendere conto a nessuno se vuoi passare 3 ore a spettegolare con le tue amica o un intero pomeriggio a guardare scarpe e vestiti oppure se decidi che per un intero giorno il tuo corpo si nutrirà di cibi ipercalorici ma appaganti! Non solo risparmi questi strazi al tuo lui ma anche tu te ne risparmi tanti: uno per tutti, doversi sorbire lui e i suoi amici che parlano di calcio e si riuniscono per vedersi pre-partite, partite e post-partite per poi commentare loro stessi credendosi tutti allenatori dell’anno! Altri pro? Non si cade mai nella monotonia del rapporto e non ci si dà mai per scontati. Tutte le volte che ci si vede è come se fosse il primo o il secondo appuntamento…e voi signorine sapete bene di cosa sto parlando!!! Ancora non siete convinte? Allora posso aggiungere che se state con un ragazzo che vive stabilmente in un altro paese, ogni volta che siete voi a raggiungerlo (ma anche quando lui raggiunge voi o decidete di incontrarvi a metà strada) diventa un’occasione per una piccola vacanza o per un viaggio in un posto nuovo – anche perché voi da brave formichine avete risparmiato al limite della tirchieria pur di mettere da parte quel gruzzoletto, cosa che non vi verrebbe mai in mente di fare se il fidanzato vive ad un palmo di naso da voi! E oltretutto avrete alloggio sicuro e una guida personale a costo zero, che volete di più?!
Io paragono sempre una relazione a distanza ad una piccola battaglia quotidiana in cui ogni giorno che si passa “insieme” è una grande conquista e un passettino verso la meta finale, che sarebbe in teoria quella di accorciare le distanze fisiche tra di voi. E infine sapete cosa vi dico? Che se è vero che ci vuole una forza e un fegato non indifferenti per portare avanti una storia a distanza, è anche vero che proprio la consapevolezza che stai facendo qualcosa di non semplice ti dà la forza e la motivazione giusta per affrontare le mille difficoltà, ansie, paure, inquietudini, malumori, dubbi (continuo?!) quotidiani. Allora perché impelagarsi in una storia a distanza mi chiederete voi. Io non me lo chiedo più, ormai per me è diventata la norma convivere con tutto questo e se ci penso l’unica risposta che so dare a me stessa e agli altri è “l’amore” e la volontà di farlo…

 

ah noi povere inguaribili romantiche!