diredonna network
logo
Stai leggendo: S.O.S. si è rotto il preservativo

Chi sono gli uomini che amano le donne transgender

Spermicida: sono anticoncezionali sicuri? Cosa sono e come funzionano

Quando Sophie Fontanel scelse la castità: perché sempre più donne praticano l'astinenza

Posso contrarre l'HIV praticando sesso orale? Come evitarlo?

Bisessualità: il non-capriccio di chi non "sceglie" di essere gay o etero

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

Clitorissima: "Vi presento 'la' clitoride. Perché dobbiamo parlarne alle bambine"

4 cose che non sai sull'imene (compresi i miti da sfatare)

Tease and Denial, pratica sessuale eccitante o tortura?

Si può tradire senza sesso?

S.O.S. si è rotto il preservativo

S.O.S. cosa fare se si rompe il preservativo? Ecco piccole regole da seguire in caso di questo imprevisto.
colored condoms - farbige kondome

Purtroppo capita, anche durante un rapporto protetto, un qualche imprevisto.

Per esempio succede che il preservativo si possa rompere. Cosa fare quindi nell’immediato? Iniziamo sfatando alcuni stupidi miti. Prima di tutto niente panico: non usare subito dei forti detergenti (per esempio al mentolo) ma lavati con semplice acqua tiepida. Se ci sono ferite, disinfetta con alcool o betadine.

Se però siete convinti possa esserci stato un contatto bisogna presentarsi entro 48 ore al prontosoccorso più vicino che potrà somministrare una cura preventiva per l’infezione.

Per una maggiore sicurezza è meglio fare un test HIV 15 giorni dopo il rapporto e anche dopo 3 mesi. Per evitare la gravidanza conviene recarsi all’ambulatorio più vicino e prendere la pillola del giorno dopo entro 72 ore.