diredonna network
logo
Stai leggendo: Scoperta l’età in cui gli uomini raggiungono la maturità mentale

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

Si può tradire senza sesso?

Il sesso secondo il tuo segno zodiacale: scopri la tua posizione

Pausa di riflessione: quando può essere utile e quando è una scusa per lasciare

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

"Litighiamo sempre perché preferisce la PlayStation a me"

Separazione dei beni: quando è consigliata e cosa accade in caso di decesso

"Sono ancora vergine e non riesco a fare l’amore"

"Il mio fidanzato vive a Londra e quando deve ripartite diventa nervoso e geloso"

"Vorrei sposarmi e avere un figlio ma lui non vuole"

Scoperta l'età in cui gli uomini raggiungono la maturità mentale

Stando ad un recente studio, i nostri "amici maschietti" raggiungerebbero la maturità mentale solo a 43 anni compiuti.
Scoperta l’età in gli uomini raggiungono la maturità mentale.

Da un recente sondaggio  condotto dall’ emittente televisiva Nickelodeon, risulterebbe che gli uomini raggiungerebbero la maturità solo all’età di 43 anni. Eterni bambinoni gli uomini diverrebbero maturi dunque circa 10 anni dopo rispetto le loro compagne.

Ben 8 su 10 delle donne intervistate infatti, hanno sottolineato di sentirsi le uniche mature della coppia, e per 1/3 di loro ciò determinerebbe la fine del rapporto d’amore. Per le donne, segni inequivocabili di tale immaturità, sarebbero: non saper ne cucinare, ne tanto meno stirare, odiare le verdure, correre a fare le gare con l’automobile invece che affrontare delle discussioni serie e per finire trascorrere molte ore sul divano giocando ai videogiochi.

Da questo sondaggio, ne è derivato che il 46% delle intervistate dichiara di sentirsi più la madre del proprio compagno (che non l’innamorata); circa il 50% degli intervistati di sesso maschile sottolinea invece che la loro immaturità tiene vivo e frizzante il rapporto.

In questa eterna lotta tra i sessi, a chi dare torto ed a chi ragione? C’è chi sostiene che la responsabilità sia delle madri italiane, colpevoli di crescere i figli maschi viziati e non autosufficienti.

Voi, che ne pensate?