diredonna network
logo
Stai leggendo: Sex tabù: Sesso e Orgasmo Anale

3 falsi miti sull'orgasmo nei 50 video più visti su Pornhub

Spermicida: sono anticoncezionali sicuri? Cosa sono e come funzionano

"Perché ho scelto di continuare a fare sesso per lavoro durante la gravidanza"

"Sono ancora vergine e non riesco a fare l’amore"

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

La vita sessuale segreta degli sposi ventenni

Tease and Denial, pratica sessuale eccitante o tortura?

C'è chi ama praticare il trampling sessuale e chi... il soft trampling

Il sesso secondo il tuo segno zodiacale: scopri la tua posizione

"Lo amo ma non riesco ad arrivare all'orgasmo"

Sex tabù: Sesso e Orgasmo Anale

Per gli uomini la penetrazione dal lato B è più piacevole per il semplice fatto che l'ano ha una conformazione più stretta e quindi esercita maggiore pressione sul membro maschile. Ma per noi donne? Esiste l'orgasmo anale?
orgasmo anale

Il sesso anale è spesso un sogno degli uomini.

Solitamente le donne invece sono più timorose a parlarne con le amiche o anche con il proprio partner,  forse perché spaventate oppure perché il sesso anale è ancora considerato, soprattutto dal punto di vista culturale, un grande tabù

Tuttavia non è così per tutte: infatti alcune donne ammettono di preferire rapporti anali per problemi sessuali, come ad esempio il dolore vaginale o l’orgasmo precoce, oppure semplicemente tra le fantasie hanno un desiderio di sottomissione, che in questa forma di rapporto è molto accentuata.

Oppure, semplicemente, perché conoscono la sessualità in ogni gesto del partner e la sfruttano al meglio.

Molte volte, soprattutto dopo anni di relazione, la passione tende pian piano a scemare facendo posto (giustamente) ad un sentimento più adulto e maturo.
Ciò non toglie che grazie a nuovi metodi di seduzione, come proprio il sesso anale o quello che potete vedere in questo video, si possa tornare ad accendere la fiamma scomparsa:

Altre invece non hanno mai provato e preferiscono non praticarla perché non procura piacere, o per pudore personale; moltissime rinunciano a provare il sesso “dal lato B” perché hanno paura del dolore o per rifiuto psicologico.

Lo sapevate che tra le perversioni diagnosticate nei manuali di psicologi e psichiatri esiste la clismofilia, cioè la possibilità di provare piacere dall’introduzione di sostanze nell’ano con l’utilizzo di clisteri?

Senza arrivare a queste forme di perversione a livello patologico, se siete curiose di provare e volete superare questo tabù, magari arrivando al culmine del piacere grazie all’orgasmo anale, ecco qualche consiglio:

Lubrificate: L’ano è una zona sensibile ma che non si lubrifica come la vagina, potreste ferire il vostro lui o la vostra lei. Utilizzate lubrificanti a base di acqua e silicone.

• Rilassatevi, magari accarezzando lo sfintere anale o inserendo prima un dito. La penetrazione deve essere dolce.

• Utilizzate sempre il preservativo e non passare mai dalla penetrazione anale a quella vaginale: c’è un rischio elevatissimo di trasmissione di batteri.

• Scegliete la posizione più comoda per voi e per il partner; ad esempio su un fianco, a tergo per la stimolazione del clitoride.

Non dimenticate mai di parlare con il partnercomunicate ogni fastidio, desiderio o sensazione.

È possibile raggiungere l’orgasmo attraverso il sesso anale? Sì, anche se l’orgasmo che si prova può essere raggiunto indirettamente oppure direttamente attraverso la penetrazione.

Uno è il classico orgasmo clitorideo, ottenuto dalla stimolazione del clitoride durante la penetrazione, che sia con un dito o con la frizione di un cuscino ove la posizione assunta ce lo permetta.

L’orgasmo anale, invece, è molto meno frequente, ma pare essere decisamente piacevole: si ottiene per la stimolazione della cosiddetta spugna perineale, un tessuto erettile ricco di terminazioni nervose presente tra le pareti dell’ano e della vagina.