diredonna network
logo
Stai leggendo: Tradimento? Più grave quello delle donne. I lavori domestici? Un dovere

Si può tradire senza sesso?

Bisessualità: il non-capriccio di chi non "sceglie" di essere gay o etero

4 cose che non sai sull'imene (compresi i miti da sfatare)

C'è chi ama praticare il trampling sessuale e chi... il soft trampling

11 cose che solo le donne che usano la spirale possono capire

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

Storia del perizoma, come nacque per l'uomo e divenne capo femminile

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

"Non so se vuole una relazione oppure se mi usa come passatempo"

Tradimento? Più grave quello delle donne. I lavori domestici? Un dovere

"Signore mie", indossate i guantoni (anche quelli da forno vanno bene se avete quelli a portata di mano) perché qui finisce male.
Foto:web
Foto:web

Uno studio condotto dall’Eurodap (Associazione europea Disturbi da attacchi di panico) su 1200 persone, di cui 700 donne e 500 uomini di età compresa tra i 20 e i 60 anni, rivela che 7 uomini su 10 pensa che il tradimento della donna sia più grave rispetto a quello dell’uomo (certo, perché le loro invece sono solo “ripicche”, “incidenti di percorso” o “infatuazioni” non dimentichiamocelo) e che i lavori domestici siano un dovere che spetta alle donne. Non contenti, gli scienziati in questione, dall’alto del loro pulpito, giudicano anche negativamente una donna che veste in modo provocante. Giustamente dico io eh, perché poi loro sono notoriamente attratti dalle donne che prendono i voti.

Foto:web
Foto:web

Ma attenzione, perché il dato a mio avviso più sconvolgente emerge dalle parole del presidente dell’Eurodap, Paola Vinciguerra:

“Purtroppo in Italia sia gli uomini sia le donne pensano ancora che alcuni comportamenti siano leciti solo al mondo femminile o solo a quello maschile. Ancora quattro donne su dieci ritengono che il tradimento femminile sia più grave di quello maschile e credono che le faccende di casa siano un dovere solo delle donne“.

Perfavore, non iniziamo con i soliti luoghi comuni che la donna tradisce per “sentimento” e l’uomo “perché é uomo” perché non reggerei un altro colpo.

Possiamo anche stare qui a nasconderci dietro a un dito, ma in Italia ci sono ancora nel 2013, famiglie in cui l’uomo é il padre padrone e la donna quella che sta sempre un passo dopo, o un grado sotto, come volete. Il problema é che nella maggior parte dei casi alla donna sta bene così.

Quando invece si parla di violenza, allora si torna ad essere fiere paladine del femminismo. Il 90% delle donne si rimette il mantello da Wonder Woman e condanna i bastardi.

Fatemi capire donne, il patto é: io lavo le tue mutande e tu non mi picchi? A me vengono i brividi.

 

Anche perché, gli uomini che condannano la violenza sono SOLO e sottolineo SOLO il 70%, gli altri attribuiscono alla donna la responsabilità nello scatenare la violenza. A questo punto sarò io a essere dura di comprendonio: la donna, traditrice per sentimento, casalinga per dovere e vestita da suora, é anche responsabile di provocare reazioni violente? Perché? Perché non gli ha sbucciato la frutta, o forse perché ha sbagliato candeggio?!?

Attenzione perché non é finita qui. Questi esemplari freudiani di ortaggio ovviamente transgenico, si permettono anche di mettere al mondo dei figli, a cui chiaramente impartiranno i loro stessi “onorevolissimi” valori e ritengono che un ambiente familiare violento e conflittuale non possa incidere sulla psiche del bambino.

C’è un’unica spiegazione possibile: stiamo su Scherzi a Parte e non ce l’hanno detto.

 

 

Foto:web
Foto:web