diredonna network
logo
Stai leggendo: “Sono stanca, lui non mi aiuta né in casa né con le gemelle: me ne vado?”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

"Sono stanca, lui non mi aiuta né in casa né con le gemelle: me ne vado?"

Ciao sono insieme a il mio compagno da 4 anni abbiamo due gemelle ultimamente ho trovato un lavoro molto pesante sempre in piedi e ogni tanto non ho neanche pausa pranzo dopo subito riprendo le mie figlie e vado a casa ultimamente abbiamo molti problemi perché lui dice che non faccio niente in casa già che sono passata da una casalinga modello a una mamma lavoratrice. Io le ho spiegato che faccio fatica già che da 4 anni non lavoravo dovrei prendere la nuova quotidianità anche perché spesso devo essere alle 4 di mattino già a lavorare. Me ne voglio andare, lui urla e grida che è stufo che la casa fa schifo io non lo sopporto più. Secondo voi faccio bene ad andarmene con le mie figlie?

Domanda di Frans

La risposta dell'esperto

Cara Frans,
fai una domanda difficile, a cui puoi rispondere solo tu.
La gestione di una famiglia con figli è molto complessa ed articolata, spesso infatti contribuiscono entrambi i genitori oppure si richiede un aiuto esterno come possono essere i nonni o le baby sitter.
Le donne che hanno la possibilità di non lavorare, in realtà svolgono un lavoro ancora più duro poiché è senza orari e per un tempo molto più prolungato delle classiche 8 ore.

Nel tuo caso addirittura l’impegno raddoppia perché oltre a lavorare fuori, ti ritrovi poi anche con la responsabilità di pensare alla casa ed alle figlie e lo stress e la fatica si ripercuote su di te e sul tuo compagno che nota dei cambiamenti rispetto al passato.
È chiaro che siete in piena crisi di adattamento: ogni situazione di cambiamento porta con sé un relativo periodo di riorganizzazione, si perde la stabilità passata per ricercarne una nuova con dispendio di energie e tempo e quindi anche di tranquillità.
È però un momento in cui tu ed il tuo compagno dovreste coalizzarvi e collaborare: il tuo stipendio permette a tutti di vivere meglio, è quindi un vantaggio per la famiglia ed è giusto quindi che entrambi cerchiate di organizzarvi in tal senso. Tu ti organizzi meglio e lui collabora per fare qualcosa in una casa che poi vive ed utilizza anche lui.

Se invece siete entrambi dell’avviso che debba essere solo la donna ad occuparsi della casa, allora pensa seriamente se è il caso di continuare a lavorare. Il maggior guadagno può aiutarvi da una parte ma chiaramente incide negativamente sul clima familiare.
Ti pongo io allora una domanda su cui riflettere: non sopporti più il tuo compagno perché non capisce che è un momento delicato in cui anche lui deve impegnarsi per fare in modo che le cose funzionino bene oppure non sopporti più il tuo compagno perché ti vuole a casa a fare la casalinga?

Valutazione: 3.3. Su un totale di 4 voti.
Attendere prego...

Risponde Dottoressa Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.

Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono – Psicologa Psicoterapeuta

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Consulta le risposte della Dottoressa Cristina Colantuono e degli altri esperti su: