logo
Stai leggendo: “Lui è cambiato, è assente, mi ignora e sta sempre al telefono. Cosa devo fare?”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

"Lui è cambiato, è assente, mi ignora e sta sempre al telefono. Cosa devo fare?"

Salve sono una ragazza di 23 anni da due anni sto con un ragazzo che all’inizio era molto premuroso mi riempiva di attenzioni… Nell’ultimo anno è molto cambiato, è sempre al telefono con giochini che prende molto sul serio, oppure in pagine Facebook a commentare… Ignorando me alla grande, parla solo lui, racconta solo lui, non ascolta neanche quello che dico… Ho provato a dirglielo ma è stato inutile e anche io sono diventata molto meno spontanea per paura di essere fastidiosa… E così non sembriamo neanche una coppia di fidanzati… A me dispiace molto questa cosa… Ma a lui sembra non gli interessi niente neanche se non mi vede da una settimana…

Aspetto un vostro consiglio
Grazie in anticipo

Domanda di

La risposta dell'esperto

Carissima,
accenni a dinamiche su cui io non posso intervenire né ipotizzare nulla perché dài poche informazioni in merito e non vi conosco.

Mi colpisce però che parli di un cambiamento evidente, capisco quindi molto bene le tue ansie e immagino quanto tu abbia investito emotivamente nella coppia.
Dal punto di vista della relazione, ti consiglio di insistere sulla comunicazione, è importante confrontarvi, parla con sincerità al tuo ragazzo e digli che per te è importante chiarire questa situazione.
La responsabilità di far funzionare la coppia è di entrambi e tu devi accertarti che lui abbia capito qual è il suo ruolo e cosa ti aspetti.
Se i tuoi tentativi continueranno ad essere inutili e lui continuerà a mostrare scarso interesse, è necessario che consideri questi atteggiamenti come delle risposte alle tue domande: con questo suo atteggiamento ti dimostra che NON considera un problema la vostra situazione, che non è importante per lui parlarne e che quindi non mostra l’interesse che invece hai tu.
Ed allora, a questo punto, concentrati su di te e analizza questa tua insoddisfazione a fondo, domandati quanti tentativi sei ancora disposta a fare, quanto tempo ti concedi ancora e soprattutto se lui è l’uomo che vuoi veramente accanto.
Capisco sia un “lavoro” difficile da portare avanti e molto doloroso ma spesso, per il proprio bene, è necessario affrontare di petto le situazioni che ci fanno male.
Rating: 4.5/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...

Risponde Dr. Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono - Psicologa Psicoterapeuta* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento