logo
Stai leggendo: Perché lui non riesce a esternare le sue emozioni?
Psicologo di coppia

Perché lui non riesce a esternare le sue emozioni?

Anonimo

chiede:

Buongiorno. Io ho 25 anni e ho una relazione da alcuni anni con un ragazzo un anno più vecchio di me. Lo amo tantissimo, non posso immaginare la mia vita senza di lui. Lui però fa una fatica enorme ad esprimere le proprie emozioni e si tiene tutto dentro. So che ci tiene a me, ma a volte vorrei delle rassicurazioni, ma a lui non vengono spontanee e se cerco di spronarlo si chiude in se stesso. Questa situazione mi fa soffrire molto. Che cosa posso fare?

Carissima,
non esiste l’uomo perfetto, l’uomo che soddisfa tutti i nostri bisogni, che ci capisce al volo, che la pensa come noi o che ha gli stessi interessi.
Ma non esiste neanche la donna perfetta con tutte queste caratteristiche!
Nelle storie che funzionano ci sono due persone legate da un sentimento forte che decidono di passare il tempo insieme, di smussare le differenze più evidenti, di accettare quelle che non si possono cambiare e di scendere a compromessi se necessario. Due persone che crescono insieme, migliorando anche grazie all’altro.
Il tuo ragazzo probabilmente non è mai stato abituato a parlare di sé e di quello che ha dentro, ed è quindi comprensibile che abbia difficoltà a farlo.
Tu però puoi aiutarlo a capire quanto è importante per te, quanto può arricchire anche lui, che aumenterà la complicità e l’intimità tra di voi e che il vostro rapporto ne uscirà rinforzato.
Non sarà altro che un apprendimento e, come tutte le cose nuove da imparare, le prime volte sarà sicuramente più una forzatura. Ti basta pensare a quando hai imparato ad andare in bicicletta o a guidare, per esempio. Sono sicura che non è stato subito facile né naturale!
E anche questa volta è così: devi incitarlo e spronarlo, dovrai chiederglielo più volte, dovrai dargli il buon esempio e farlo prima tu, invitarlo a riflettere sull’importanza di queste confidenze. Poi vedrai che con il tempo diventerà più spontaneo anche perché lui capirà che non è dannoso e che non corre nessun rischio.
Aiutalo a migliorare da questo punto di vista e anche tu non soffrirai più!

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento