logo
Stai leggendo: “Sto insieme a un ragazzo che ha una figlia con un’altra donna”
Psicologo di coppia

"Sto insieme a un ragazzo che ha una figlia con un'altra donna"

Alessia

chiede:

Sto insieme a un ragazzo che ha una figlia con un’altra donna, avuta prima di conoscermi. Questa presenza mi infastidisce. Il fatto che non concentri tutte le attenzioni su di me ma che anzi mi metta in secondo piano o mi lasci a casa ad aspettare che torni con la bambina mi porta a odiarlo. Ci siamo anche lasciati ma non riesco a stargli lontano e sono tornata da lui. Supererò mai questa cosa? Come?

Cara Alessia,
la situazione che racconti è senza dubbio difficile da sostenere perché lo squilibrio è evidente.
Tu sei libera da impegni e responsabilità e puoi dedicarti totalmente a lui ed a quello che provi, il tuo oggetto d’amore è solo lui. Lui invece ha il doppio ruolo di uomo e di padre, la responsabilità di una figlia ed il cuore impegnato da questo amore immenso.

È uno squilibrio che però si può imparare a gestire e che può esulare dal sentimento che vi lega.
Hai conosciuto lui e la sua storia e ti sei innamorata, ricordati di questo quando ti senti messa da parte, ricordati che ti sei fatta coinvolgere perché provi qualcosa per lui a prescindere da tutto.
Riuscirai a superare tutto questo con impegno e sincerità! Quindi appoggiati a lui: la comunicazione di coppia vi permetterà di elaborare insieme la situazione e di chiarirvi le idee.

Tu devi comprendere empaticamente la sua posizione e lui deve comprendere la tua.
Sono sicura che il “metterti in secondo piano” è una sensazione che hai solo tu, dettata da una gelosia infantile che ti porta a volerlo tutto per te. Probabilmente non è affatto sua intenzione metterti da parte.

Tu e sua figlia non siete in competizione, parliamo di due ruoli diversi.
L’amore maturo non è esclusivo, è un amore profondo, sincero, così forte da sentirlo anche in presenza di ostacoli e difficoltà.
E allora non perdere le speranze che tutto possa andar meglio !

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento