logo
Galleria: Kamasutra Boteriano: il kamasutra reinterpretato dalle “figure grasse” di Botero

Kamasutra Boteriano: il kamasutra reinterpretato dalle “figure grasse” di Botero

Kamasutra Boteriano: il kamasutra reinterpretato dalle “figure grasse” di Botero
Foto 1 di 16
x

Non chiamatele grasse. Le figure umane di Fernando Botero sono simboliche, ma non grasse. È con questo spirito che l’artista ha realizzato un vero e proprio Kamasutra boteriano. Settanta illustrazioni per raccontare l’amore con diverse tecniche, dall’acquerello agli studi con il carboncino. Il tratto dell’artista colombiano, classe 1932, è inconfondibile, ed emerge di prepotenza anche in questi disegni davvero particolari.

Perché le donne di Botero sembrano obese ma non lo sono

Perché le donne di Botero sembrano obese ma non lo sono

Le figure del Kamasutra boteriano si dilatano moltissimo – così come i suoi altri ritratti – ma gli sguardi sono sempre inespressivi, nel vuoto, come rimarca Tpi. È come se i personaggi ritratti siano freddi, distaccati, ma è davvero difficile per noi fruitori restare indifferenti guardando questi tratti realizzati con tecniche e strumenti vari. E l’arte di Botero è sensuale perché la sensualità è alla base del suo lavoro, non solo quando parliamo di Kamasutra boteriano. Sì, perché secondo l’artista i suoi quadri servono a dare piacere a chi li guarda. Ma in questo caso possono anche lanciare interessanti spunti (anche a letto).