logo
Galleria: Tra pole dance e tacchi a spillo: Damiano dei Maneskin è l’emblema della sessualità fluida

Tra pole dance e tacchi a spillo: Damiano dei Maneskin è l’emblema della sessualità fluida

Tra pole dance e tacchi a spillo: Damiano dei Maneskin è l'emblema della sessualità fluida
Foto 1 di 12
x

Damiano David, leader della band Maneskin, è l’icona genderfluid che i millennials stavano aspettando. A dirlo sono i social che dopo la sua esibizione da vero pole dancer in tacchi a spillo, copricapezzolo e pantaloncini corti da capogiro nella sesta puntata live di X-Factor, sono letteralmente impazziti per questo diciottenne dai bollenti spiriti. In fondo, come dar loro torto? Il cantate è sfrontato, narcisista e dai bollenti spiriti libertini ed è quasi impossibile non cadere vittime del suo fascino da cattivo ragazzo.

Rowan Blanchard: "Non sono né gay, né etero"

Rowan Blanchard: "Non sono né gay, né etero"

Sarà forse per colpa del suo sorriso seducente o del suo sguardo che non sembra nascondere nulla di ingenuo nel profondo che tanto ricorda Stuart Townsend nei panni dell’attraente Lestat del film La regina dei dannati. Qualunque sia il motivo, Damiano in sole sei puntate live del programma in onda su Sky Uno è riuscito a catturare l’attenzione dei social network più di chiunque altro mostrandosi al mondo come simbolo di una plurisexuassualità che non ha etichette né per quanto riguarda il genere, né per le preferenze. E piace, eccome se piace: Damiano con il suo fascino da Frank-N-Furter – un po’ Rocky Horror Pictures Show e un po’ Freddy Mercury – attrae non solo le disinibite ragazzine della nuova generazione ma anche ragazzini, donne e uomini adulti dalla passata generazione X. Conosciamolo meglio insieme con questa gallery.