diredonna network
logo
Stai leggendo: Allungamento del pene: è boom di richieste in Italia

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

La vita sessuale segreta degli sposi ventenni

Spermicida: sono anticoncezionali sicuri? Cosa sono e come funzionano

3 falsi miti sull'orgasmo nei 50 video più visti su Pornhub

"Perché ho scelto di continuare a fare sesso per lavoro durante la gravidanza"

"Sono ancora vergine e non riesco a fare l’amore"

Bisessualità: il non-capriccio di chi non "sceglie" di essere gay o etero

4 cose che non sai sull'imene (compresi i miti da sfatare)

C'è chi ama praticare il trampling sessuale e chi... il soft trampling

11 cose che solo le donne che usano la spirale possono capire

Allungamento del pene: è boom di richieste in Italia

È boom di interventi al pene, per allungarlo e ingrandirlo secondo canoni estetici tradizionali.Un vero business a cui bisogna fare attenzione.
allungamento-pene

Sempre più italiani decidono di allungarsi il pene perchè scontenti del proprio organo sessuale: nel 2011 si sono sottoposti a questa chirurgia dai 2.000 ai 3.000 uomini nel nostro Paese, mentre negli Stati Uniti  più di 7.000 interventi l’anno. 

In Italia, da secoli paese dei LatinLover, la questione “lunghezza” è molto sentita. Solo a Milano si eseguono circa 250 procedure all’anno.  Elena Fasola, microchirurgo e medico estetico, e Alessandro Littara, andrologo e chirurgo del Centro di medicina sessuale di Milano, parlano con dati alla mano: “Nel 2006 il Centro ha proposto la ‘designer laser falloplasticà, un bouquet di procedure chirurgiche che consente anche di personalizzare la tecnica a seconda delle caratteristiche del paziente. “

Da allora le procedure sono state oltre un migliaio e negli anni 2010, 2011 e 2012 sono stati operati nel Centro più di 700 uomini, dei quali il 60% sottoposto a procedura combinata di allungamento e ingrossamento del pene (laser falloplastica + lipopenoscultura), il 30% circa all’ingrossamento e il rimanente 10% al solo allungamento.

“L’età media di chi si opera è di 32 anni, con l’80% tra i 25 e 40 anni, e con un considerevole numero dopo i 50. Anzi il trend in maggiore aumento è senz’altro quello degli ‘over 50’. Nel 60% dei casi si tratta di pazienti che vivono un disagio, mentre nel restante 40% il motivo è puramente estetico” racconta il chirurgo e continua: 

Nei giovani prevale la motivazione estetica, mentre il 70% degli over 30 dichiara di vivere un disagio legato alle dimensioni. Curioso notare come almeno la metà degli operati sia sposato o abbia una relazione stabile da oltre 2 anni. Le partner generalmente disapprovano la scelta, ritenendo che questa ‘iniezione di fiducià nel proprio partner lo porti a ricercare conferme anche fuori dalla coppia stessa. Il costo di questi interventi è molto vario perchè dipende dalle tecniche da utilizzare, e oscilla tra i 2.000 e i 7.000 euro”

Purtroppo molti chirurghi senza la necessaria preparazione, si sono lanciati in questo tipo di chirurgia, determinando pessimi risultati sia estetici ma anche funzionali,costringendo a reinterventi. I chirurghi che attualmente in Italia hanno una reale esperienza di questa tecnica sono solo 3 o 4. 

Su internet se ne possono trovare oltre un centinaio ma bisogna stare attenti e valutare bene il curriculum del chirurgo, chiedere dettagliatamente la descrizione dell’intervento, i materiali utilizzati etc.

La proposta di ringiovanimento delle parti intime è diventata un’operazione richiesta anche dalle donne.