diredonna network
logo
Stai leggendo: “Stiamo insieme da un anno ma non provo più attrazione verso di lui”
Invia la tua richiesta a tema psicologia, sessuologia, rapporti di coppia.
Domanda all'esperto

"Stiamo insieme da un anno ma non provo più attrazione verso di lui"

Io e il mio fidanzato stiamo insieme da un anno circa, non ci vediamo spesso ma comunque accade con una certa regolarità. Con lui sto relativamente bene: non mi manca nulla, mi tratta benissimo ma non mi sento amata. Questo per me non è un problema, sono abituata a questo e io stessa non ho nessun tipo di pretese e addirittura mi sento a disagio se mi fa dei complimenti o quando mi offre la cena.

Il problema è che ultimamente non provo più attrazione verso di lui. Dipende forse da questo? Certo se si avvicina non lo spingo via e sono felice che sia attratto da me ma non ho più molta voglia di fare l’amore con lui e, anzi, sono contenta che duri poco perché non ne ho proprio voglia.

Generalmente non sono mai stata una che farebbe sesso dalla sera alla mattina ma non vorrei queste cose e provare la stessa voglia e attrazione come la prova lui per me. Vorrei tanto essere come piace a lui, come fare? Qual è il mio problema?

Domanda di Anonima

La risposta dell'esperto

Carissima,
leggendo questa tua richiesta mi rimane un po’ di confusione in testa: dici di non sentirti amata ma lui ti fa complimenti, ti offre la cena e prova attrazione per te; tu non ti senti attratta, non hai voglia di fare l’amore con lui ma vorresti avere voglia ed essere come piace a lui…

In quello che racconti c’è una dualità contrastante che ti tira contemporaneamente in due direzioni opposte: da una parte c’è il tuo vero “io” che ti sta dicendo che non sei soddisfatta della tua storia d’amore (non ti senti amata e non provi più attrazione) e dall’altra c’è il tuo “io” che vuole compiacere lui (vorrei provare attrazione ed essere come piace a lui).

calo del di

Dopo un anno di frequentazione, se anche l’amore è svanito, c’è comunque affetto per un ragazzo che comunque ha un ruolo importante nella tua vita e, in presenza dei tuoi dubbi, è normale provare un senso di colpa che ti spinge a mettere da parte quello che provi realmente ed assecondare lui. Non vuoi fare la parte della “cattiva” né dargli il dispiacere di interrompere la vostra storia visto che lui è così preso. Ma questa è la tua parte emotiva.

Razionalmente hai però capito che non sei soddisfatta e infatti la tua attrazione è svanita. È questo il tuo problema.

Il consiglio che posso darti è di fare maggior chiarezza in te: domandati cosa è più importante per te, se essere felice tu o far felice lui; domandati cosa cerchi in una storia, qual è il tuo rapporto ideale, se vuoi un futuro con lui, se la storia è solo un po’ “stagnante” e quindi si può recuperare l’intimità e la passione oppure se è proprio giunta al capolinea.

Comprendere che sei combattuta è un buon inizio perché ti offre ora la responsabilità e la possibilità di decidere: lasci la situazione invariata (e quindi accetti di stare con lui senza provare attrazione) oppure chiudi la storia per permettere magari ad entrambi di essere felici veramente con qualcun altro ?

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Risponde Dottoressa Cristina Colantuono

Psicologa Psicoterapeuta

Domanda all'esperto

Esperta in Psicologia Giuridica, si occupa di terapie individuali e familiari e offre supporto sulle seguenti tematiche: relazioni di coppia, sessualità, affidamento, divorzio, mobbing, abuso sessuale, disagi psicologici (ansia, depressione, etc..), genitorialità e infanzia.

Pagina Facebook Dott.ssa Cristina Colantuono – Psicologa Psicoterapeuta

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Consulta le risposte della Dottoressa Cristina Colantuono e degli altri esperti su: