diredonna network
logo
Stai leggendo: Professione: critica di… membri maschili. Ecco quanto guadagna questa donna valutando i peni

Professione: critica di... membri maschili. Ecco quanto guadagna questa donna valutando i peni

Madeleine Holden di notte si dedica al suo blog in cui recensisce tutte le foto di peni che riceve, dietro un modico compenso. Ecco la bizzarra iniziativa!
Professione: critica di… membri maschili. Ecco quanto si guadagna da vivere questa donna guardando i peni
Fonte: Web

Cari uomini, se prima avevate delle incertezze sulle vostre dimensioni, ecco finalmente un modo per mettersi l’animo in pace, scoprire i vostri limiti, ma anche i vostri pregi.

Benvenuto sul sito web dove è possibile ricevere un feedback obiettivo ed onesto sulla qualità delle foto dei vostri peni”.

Ebbene sì, l’idea geniale di fare recensioni su una cosa del genere è venuta a Madeleine Holden, giovane e bella americana. Già dal 2013, ha avviato un vero e proprio business attraverso il suo blog su Tumblr, critiquemydickpick: per venticinque dollari, la foto viene pubblicata, commentata e votata, mentre per soli dieci dollari è possibile ottenere una review privatamente.

Fonte: Web
Fonte: Web

Di giorno avvocato, di notte giudice, anche se i casi di cui si occupa sono ben diversi! La doppia vita della Holden sembra però darle grosse soddisfazioni.

Spesso gli uomini mi dicono che il mio sito li ha aiutati a superare le loro insicurezze, è qualcosa che scalda il cuore”

ha spiegato al sito web Vice. Non sono tanto i centimetri a influenzare il suo verdetto, quanto la composizione della fotografia, l’attenzione a inquadrare determinate parti del proprio corpo e la celebrazione di una parte di sé dalla forte carica erotica.

Si parla spesso dell’organo genitale maschile senza, però, sapere davvero tutto ciò che circonda questo emisfero. Siete sicure di sapere tutto sul pene?

Una volta sfogliate queste foto, i ragazzi dovranno rivoluzionare completamente il modo di mandare foto spinte!

Fonte: Web
Fonte: Web

L’invito, infatti, è quello di mandare il proprio migliore scatto, perché la sua iniziativa ha riscosso un discreto successo.

Siccome sono inondata di consegne, non riesco a vedere tutti i peni che ricevo in foto”.

La mail [email protected] è open mind e accetta di buon grado anche “scatti da parte di persone trans, persone di colore, e altri gruppi che sono poco rappresentati nel mondo delle foto di peni”. Da pochi mesi Madeleine accetta anche foto di donne con strap-on che mostrano il proprio finto pene colorato o color carne.

Fonte: Web
Fonte: Web

Sul web ci aspettiamo di vedere le immagini di donne nude. Ne siamo circondati e siamo abituati alla visione delle donne come oggetti sessuali. Siamo invece meno abituati a visualizzare gli uomini come oggetti sessuali. A livello sociale ci sembra ancora di scoprire qualcosa di comico e poco serio”.

Queste le parole della blogger: il blog è diventato infatti un modo per abbattere i tabù, per inneggiare alla sensualità e per parlare onestamente di un punto debole degli uomini. Noi donne, in effetti, fin da piccole iniziamo a rapportarci con un modello ideale di bellezza femminile, poiché ormai è facile intravedere delle scene di nudo in tv o sul web. Ciò non capita agli uomini, che spesso vivono male il confronto con i compagni.

Le A della Holden sono solo per chi sa mettere a nudo il proprio lato erotico, cosa che l’uomo spesso non è capace di fare.