diredonna network
logo
Stai leggendo: Psico-preliminari: come la psicologia può aumentare la nostra soddisfazione sessuale!

Psico-preliminari: come la psicologia può aumentare la nostra soddisfazione sessuale!

I preliminari sono un buon antipasto per un ottimo pasto a due! Un argomento che interessa le donne ed ultimamente sempre più anche gli uomini. Lo stesso Kamasutra dedica loro un ampio spazio di riflessione.

Spesso le donne che vengono in terapia, dichiarano di avere un brutto rapporto con il desiderio sessuale e soprattutto nel raggiungere eccitazione sufficiente all’orgasmo.

La prima cosa da escludere sono le disfunzioni sessuali femminili quindi si domanda se ci sono altri pareri medici, se ci sono diagnosi in tal senso ecc ecc.

La maggior parte delle volte non è il corpo ad avere un problema ma più che altro il nostro rapporto con lui, cioè una scarsa chiarezza sui nostri desideri, su cosa ci piace e su quali siano le modalità più adeguate per stimolarci sessualmente.

Se non conosciamo una lingua, è logico che non possiamo rispondere alle domande di uno straniero!

Ma perchè i preliminari sono così importanti?

Dal punto di vista fisico, un’elevata percentuale di donne ha bisogno di una maggiore e più lunga stimolazione (dai 20 ai 30 minuti!), sia nelle zone erogene che non, per poter procedere poi alla penetrazione.

La stimolazione prolungata aiuta ad erotizzare tutto il corpo e quindi creare un clima ed uno stato psico-fisico di grande eccitazione così da agevolare la lubrificazione dell’area genitale ed arrivare poi ad un adeguato orgasmo.

Il problema più frequente sorge quando si ha a che fare con un partner che, poco attento e consapevole delle esigenze femminili, trascura i preliminari per dedicare una maggiore attenzione all’atto penetrativo in sé ed alla risposta orgasmica successiva… anche se la maggior parte delle volte finisce così col far l’amore da solo!

Solitamente invece gli uomini non hanno fisiologicamente le stesse necessità, riescono a raggiungere un ottimo livello di eccitazione anche senza la stimolazione manuale, ecco la motivazione del successo di riviste, film e siti porno tra il pubblico maschile!

La situazione sessuale di per sé è molto delicata, in molti provano imbarazzo e pudore a parlare esplicitamente dei dettagli, alcune donne vivono ancora i retaggi culturali che vogliono le donne passive riguardo al sesso, la cui soddisfazione è quindi secondaria a quella dell’uomo… queste e molte altre motivazioni producono condizioni che creano disagio psicologico e fastidio fisico: gli orgasmi difficili o impossibili non sempre hanno una base organica!

Con una buona conoscenza del proprio corpo e dei propri gusti sessuali come base, il passo successivo è quello di imparare a comunicare con semplicità e senza timore i nostri desideri al partner.

Svelatevi le rispettive preferenze, accordatevi su tempi e modi e cercate una maggiore sintonia e quindi una maggiore intesa!

Solo così si potrà vivere una sana ed appagante sessualità priva di aspettative vane.

Come può aiutarci la psicologia?

Le donne sono molto più sensibili, oltre che ai preliminari fisici, agli psico-preliminari! Cioè la componente psicologica, soprattutto nell’ambito del sesso, gioca sempre un ruolo importantissimo nel creare una condizione di rilassamento ed una successiva soddisfazione sessuale.

Il coinvolgimento della donna deve essere completo, sia fisico che mentale, e quindi assecondiamo il nostro benessere psicologico per arrivare alla meta!

Pretendiamo dal nostro partner anche calore, baci, carezze, quest’ultime approfittano dei ricettori situati sulla superficie corporea per aumentare la sensazione di piacere e di eccitazione sessuale riportandoci anche indietro nel tempo, quando da bambini il contatto del nostro corpo veniva utilizzato per infonderci vicinanza, affetto e protezione.

Oppure utilizziamo un bel bagno di coppia rilassante, un massaggio, una cena a lume di candela, la “nostra canzone” in sottofondo, uno sguardo carico di desiderio ed eccitazione ed anche, perché no, fantasie verbali sussurrate all’orecchio…

Anche la fantasia fa parte degli psico-preliminari: le fantasie sessuali aumentano la gratificazione del rapporto, fanno crescere e sviluppare l’intimità, la maturità ed un legame più incisivo nella coppia.

Tutti trucchetti psico-preliminari che ci aiutano a liberare la mente, a dimenticare stress e problemi quotidiani, a concentrarci sulla situazione ed a lasciarci andare con libertà e partecipazione di tutti i nostri sensi.

Non è vero, come si pensa sia culturalmente che socialmente, che un rapporto sessuale è soddisfacente solo quando c’è la capacità fisica di raggiungere l’orgasmo.

La studiosa Helen Kaplan, oltre che l’orgasmo, include anche altri due momenti ben definiti: desiderio ed eccitazione.

Ed alla base di questi due elementi c’è la mente… la mente è il motore, desiderio ed eccitazione sono la benzina!

Utilizziamo i nostri 5 organi di senso: la vista, l’udito, il tatto, il gusto e l’olfatto possono essere complici nella percezione attenta delle esigenze di un corpo tutt’uno con la mente.

E’ un percorso a doppio senso: l’oggetto parte dalla mente, passa attraverso il corpo e ritorna poi alla mente.

Il momento giusto, un ambiente adeguato ed un partner attento conducono il corpo ad una condizione di profondo rilassamento ed un completo abbandono che, a sua volta, permette alla mente di contribuire ad una diluizione della carica sessuale.

Non esiste una regola esatta e non si conosce quale potrebbe essere una giusta durata dei preliminari per ottenere risultati soddisfacenti ma non dimenticate che anche il fattore “tempo” è importante: nel sesso la fugacità è sinonimo di frustrazione e incomprensione!

Se proprio vogliamo trovare un’etichetta: il partner migliore è quello che ha una maggior capacità di far eccitare la donna piuttosto che di penetrarla!

Dott.ssa Cristina Colantuono