diredonna network
logo
Stai leggendo: Si fa togliere il grasso dalle maniglie dell’amore per ingrandire il pene

I migliori orgasmi? Ecco la mappa di chi "viene" di più (e meglio)

Il manuale del sesso senza inibizioni per donne musulmane

I segnali per riconoscere un uomo con la sindrome di Peter Pan

Fidget Spinner: i ragazzini lo usano (anche) come sex toy

Sei vegano? Ecco come fare sesso vegano!

Sesso Tantrico: come prolungare l'orgasmo e il piacere in 4 mosse

Perché gli uomini con i capelli rossi sono i donatori di sperma più ricercati

"Sono stanca, lui non mi aiuta né in casa né con le gemelle: me ne vado?"

"Perché quando voglio qualcuno ogni volta va male?"

Questo sito ti dice se la tua relazione durerà

Si fa togliere il grasso dalle maniglie dell’amore per ingrandire il pene

Dimagrire dove serve, ingrassare dove sta bene: è quello che ha pensato Mark Edwards, un Inglese di Londra, tanto da decidere di sottoporsi ad una liposuzione alle maniglie dell’amore e “trasferire” il grasso tolto da lì sul pene. Liposuzione e penoplastica, come si dice tecnicamente. Mark, 32 anni, di Birmingham, è soddisfatto dei quasi 4 centimetri guadagnati nelle parti “basse”.

Lode all’inglese Mark Edwards che, probabilmente, ha fatto quello che milioni di uomini sognano di fare: trasformare un difetto in una GRANDE virtù, contemplando nel mentre il sogno di milioni: non preoccuparsi delle dimensioni del pene!

Il trentaduenne inglese, ossessionato dalle sue fastidiose maniglie dell’amore, ha deciso di sottoporsi ad un’operazione di liposuzione e il grasso tolto da qui l’ha fatto trasferire sul pene con un intervento noto come penoplastica. Certo, ha ammesso Mark, le due operazioni non sono state una passeggiata. Subito dopo il suo pene sembrava un cetriolo. Ma non ha avuto problemi a camminare, anche se dopo essere stato sotto i ferri ha dovuto aspettare due settimane prima di poter mettere alla prova il pene allungato. Quando però ha avuto il primo rapporto dopo tre settimane “mi sono sentito meglio di sempre”.

Costruttore edile, sposato con Claire, anche lei di 32 anni, Mark oggi ha un bambino di due anni, Ben. Dice di non aver mai sofferto di complessi di inferiorità nei confronti degli altri uomini, sapeva che il suo pene (di 16,5 centimetri) era nella media, ma semplicemente desiderava “non essere nella media”. E oltre alla lunghezza voleva aumentare lo spessore.

All’inizio la vergogna di informarsi c’era, ma alla fine, quando si ritrovò per la prima volta single, Mark decise di affrontare l’operazione. Adesso, con le operazioni alle spalle, dice a chi sente il desiderio di fare lo stesso: “Non farlo perché una donna dice che ce l’hai piccolo. Fallo per te stesso”.

Cosa ne dite? Sareste d’accordo se il vostro compagno/amante/marito si sottoponesse ad una cosa del genere solo per il gusto di avercelo più grosso?