logo
Galleria: Dipsea: perché guardare porno quando puoi ascoltarli?

Dipsea: perché guardare porno quando puoi ascoltarli?

Ha grande successo un'applicazione creata dalle donne e per le donne: parliamo di Dipsea, che contiene delle storie porno da ascoltare in podcast.

Avere pensieri femministi può diventare un business? Sì, almeno se parliamo di porno femminista, la pornografia pensata per le donne e creata dalle donne. Che oggi è diventata qualcosa di molto interessante e cioè un’app che contiene svariati podcast con racconti porno che si chiama Dipsea. Niente di nuovo, penserete sulle prime: siamo davvero pieni di app con podcast che esplorano il sesso da qualunque angolazione. Ma questa di Dipsea forse era l’angolazione che mancava anche nelle finalità.

A che cosa serve la pornografia? Be’, il primo utilizzo – quello classico per eccellenza – è per masturbarsi. Con Dipsea accade qualcosa di più: l’applicazione fornisce alle donne anche un modo per provare desiderio in vista di un rapporto sessuale focalizzandosi su una fantasia. Perché è questo che i podcast porno fanno: creare una fantasia, lasciare all’uomo (o, in questo caso, alla donna) il potere perduto dell’immaginazione.

La pornografia foto-video presenta una serie di limitazioni. La prima è che ti dà tutto e subito: situazioni, posizioni, particolari anatomici. L’impoverimento dell’industria del porno – parliamo di impoverimento creativo – è un fenomeno sempre più evidente.

Accanto ai protagonisti “storici” del cinema per adulti, complice la disponibilità di attrezzature amatoriali per riprese e montaggio a basso costo, sono sorte una serie di piccole produzioni che tuttavia non presentano la cura nel prodotto cui si è sempre cercato di tendere negli anni ’70 e ’80 – in particolare con l’introduzione delle donne nell’attività creativa, non più solo “fisica” tout court, una vera innovazione per l’epoca.

L’effetto è quello di fiction pornografiche che sono sempre più rivolte agli uomini e ignorano l’altra metà del cielo. Che invece ha trovato nei podcast di Dipsea una risposta alle proprie curiosità, allo sviluppo delle proprie fantasie. L’audio non ti dà tutto e subito: sei tu, ascoltatrice, che devi provare a immaginare. E c’è qualcosa di più che nella lettura, perché nei podcast ci sono degli attori che recitano con la giusta intonazione.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire in cosa consiste nel dettaglio Dipsea.

Dipsea: perché guardare porno quando puoi ascoltarli?

Dipsea: perché guardare porno quando puoi ascoltarli?
Foto 1 di 10
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...