diredonna network
logo
Stai leggendo: Donna autorizzata a masturbarsi sul luogo di lavoro

6 cose che potrebbero farti impazzire a letto, ma di cui (forse) hai paura

“Un Contatto Diretto con Satana” L’assurda Accusa alla Masturbazione Femminile

Petting, dalle Coccole ai preliminari: perché fa bene alla coppia?

Arriva il Coregasm: la Ginnastica che Provoca l'Orgasmo Femminile

Autoerotismo: Ecco Ottimi Motivi Per farlo Diventare Una Buona Abitudine

Happy Play Time: È arrivata l'app per il piacere femminile!

Masturbarsi aiuta a dimagrire

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

La vita sessuale segreta degli sposi ventenni

Spermicida: sono anticoncezionali sicuri? Cosa sono e come funzionano

Donna autorizzata a masturbarsi sul luogo di lavoro

Una donna brasiliana è malata di sesso e autoerotismo. Il livello del suo bisogno è talmente alto che mentre si cura le è concesso masturbarsi in ufficio.
masturbazione-ufficio

 

Con una sentenza decisamente strana, un giudice brasiliano ha autorizzato una donna a guardare film porno e a masturbarsi sul luogo di lavoro.  A fare quest’insolita richiesta un’impiegata di 36 anni, tal Catarian Bezerra, che ha motivato il tutto spiegando quanto fosse importante per lei l’attività sessuale per rilassarsi. La donna soffre infatti di ipersessualità causata da forti stress se non riesce a sfogarsi sessualmente. 

Ana ha raccontato al tribunale di essersi masturbata anche quasi 50 volte al giorno. “A quel punto che ho capito che non era normale, e ho chiesto aiuto”

 Lei infatti è in cura e i dottori le hanno prescritto dei tranquillanti che la portano a masturbarsi “solo” 15-20 volte al giorno.

La sentenza ha fatto sicuramente scalpore, soprattutto in Brasile, dove generalmente l’atteggiamento verso il sesso è molto proibitivo. La sentenza però non aiuta la cura della donna, in quanto l’“ipersessualità non sarebbe una malattia “autonoma”, e la masturbazione sarebbe un sintomo di un disordine psicologico di altro tipo, secondo degli specialisti, ai quali però è stato chiesto di non commentare non avendo mai visto la donna e non avendo quindi elementi sufficienti per poter dar giudizi.