Fare l’attore ti consente di essere ogni volta una persona nuova, magari anche molto lontana da te; con un film puoi essere catapultato al tempo dei romani, nel XIX secolo oppure nel futuro, una vita davvero affascinante e che permette di vivere molte altre esistenze, di cimentarsi con ruoli e situazioni sempre diverse e di giocare con la tua identità.

C’è una cosa, però, che probabilmente tutti noi ci siamo chiesti almeno una volta nella vita, ammirando le celebrities nelle loro pellicole: come si gira una scena di sesso al cinema?

Non è raro infatti assistere a scene ad alto tasso erotico, nei film; basti pensare ai milioni di storie d’amore che popolano il mondo del cinema, in cui i protagonisti ovviamente hanno rapporti sessuali, ma anche a scene di tipo più violento in cui si simulano veri e propri stupri o rapporti non consenzienti (la famosa scena del burro di Ultimo tango a Parigi forse vi dirà qualcosa a tal proposito).

E chiunque non sia avvezzo al mondo della recitazione, e non conosca quindi i trucchi del mestiere, sicuramente si sarà domandato come queste scene, così reali una volta viste sul grande schermo, siano realizzate; se gli attori provino imbarazzo durante la loro lavorazione, e soprattutto se siano veramente nudi.

Proviamo a chiarire le idee.

Come si girano le scene di sesso nei film?

La prima domanda a cui dobbiamo rispondere è: no, ovviamente gli attori non fanno davvero sesso sul set (salvo poche eccezioni, di cui parleremo più avanti); non parliamo di porno, ma solo di film con scene erotiche, realizzate chiaramente con l’intento di risultare il più credibili possibili.

Riguardo la nudità, anche qui dobbiamo dire che gli attori quasi mai mostrano le proprie parti intime al completo, e nelle scene dei rapporti quindi non sono nudi. Se nelle scene a mezzo busto, quindi, non è troppo difficile indossare pantaloni o mutande color carne, nei casi in cui sia richiesto il contatto fisico a figura intera gli attori generalmente usano quelli che, nel gergo hollywoodiano, sono noti come cock sock, ovvero i calzini copri-pene, che in realtà contiene anche lo scroto, chiudibili con una corda che tenga tutto sufficientemente… A posto.

Per le donne, invece, esistono i pasties, o snatch patch, ovvero semplici adesivi che coprono i capezzoli; per le parti intime, invece, alcune attrici, come Anna Paquin di True Blood, scelgono dei perizoma con i lati tagliati che vengono comunque eliminati in fase di post-produzione, mentre altre si affidano a uno speciale assorbente o cerotto che copre la vagina.

C’è però chi le trova scomode, come Lena Dunham, autrice e protagonista di Girls, che ha dichiarato:

Non c’è ragazzo che lavora in quella serie che non abbia visto l’interno della mia vagina.

In alcuni casi però si possono usare anche le parrucche pubiche, le cosiddette merkin, fatte di seta e capelli umani, che simulano un inguine perfetto; pare che anche Kate Winslet abbia deciso di usarla in The Reader, benché la tradizione delle merkin sia di gran lunga più antica. Pare infatti che a utilizzarle per prime furono le prostitute del Medioevo, per coprire i segni di certe malattie diffuse all’epoca.

Gli attori possono comunque aiutarsi anche con le controfigure; ad esempio, la leggenda dice che nello scandaloso film cult 9 settimane e ½ Kim Basinger ne abbia scelta una. Le controfigure, però, se così vogliamo chiamarle, esistono anche per gli organi sessuali: è il caso di Nymphomaniac, di Lars Von Trier, in cui gli attori indossano mutande color carne sopra cui vengono applicate delle protesi, per far sì che il pene che si vede non sia quello dell’attore.

Generalmente le scene vengono studiate e preparate a lungo, spesso gli attori provano vestiti per trovare la giusta intesa ed evitare comportamenti che possano mettere a disagio il partner di set; una rara eccezione è rappresentata proprio da Kate Winslet, che ha dichiarato di aver girato delle scene di sesso lesbico in maniera del tutto spontanea con la collega Saoirse Ronan durante Ammonite, che racconta la presunta storia d’amore tra la paleontologa Mary Anning e Charlotte Murchison.

Ammonite: l'amore tra Charlotte Murchison e Mary Anning, donne realmente esistite

Possibile che non succeda mai che un attore abbia un’erezione? In realtà, pare sia molto più difficile di quanto si potrebbe pensare; il perché lo ha spiegato il regista di Dallas Buyers Club Jean-Marc Vallée, aggiungendo però anche come invece sia tutt’altro che raro vedere attori eccitati.

È tutto molto tecnico, ma siamo umani e sono nudi, e si toccano.

Sean Connery raccontò che era solito dire alle attrici con cui stava per girare una scena di sesso

Scusa se mi ecciterò, e scusa se non mi ecciterò.

Un vero signore.

Scene di sesso: vere o costruite?

Come detto, le scene di sesso sono ovviamente finzione cinematografica, tuttavia qualcuno non esclude che in alcuni film possano essere state girate vere scene sessuali. Di nuovo, abbiamo l’esempio di Nymphomaniac, in cui in effetti sono presenti frame di veri rapporti sessuali, con un trucco:

Abbiamo ripreso gli attori che fingevano di fare sesso e poi le controfigure che facevano davvero sesso, e in post-produzione abbiamo unito le cose. Quindi: dalla vita in su sono gli attori; dalla vita in giù sono le controfigure.

Ha spiegato la produttrice Louise Vesth.

10 film in cui sono presenti scene di sesso vero!
11

Ma esistono anche casi in cui, forse per aumentare la curiosità rispetto al film, sono state create vere e proprie leggende metropolitane sulla veridicità delle scene di sesso in esso presenti: un esempio su tutti proprio Ultimo tango a Parigi di Bertolucci, per cui, anni dopo, si venne a sapere che la famosa scena del burro fosse stata concordata fra il regista e Marlon Brando, senza che la protagonista femminile, Maria Schneider, ne fosse messa a conoscenza. Il tutto per conferire alla drammatica scena della sodomizzazione un aspetto più reale, attraverso la reazione stupita e impaurita della Schneider.

Ovviamente non ci fu un rapporto vero, ma “l’aggressione” di Brando ai danni di Maria lo fu, e proprio questo fatto, una volta diventato di pubblico dominio, costò numerose critiche (postume) all’attore e al regista, scomparso nel 2018.

O lottiamo contro la violenza sulle donne o celebriamo Bernardo Bertolucci

Qualcuno sostiene che anche la scena di sesso tra Richard Gere e Debra Winger in Ufficiale e Gentiluomo sia vera… Non che, senza quel particolare, il film fosse meno bello! Sarebbe comunque diventato un cult della storia mondiale del cinema.

Le 14 scene di sesso più hot

In gallery abbiamo scelto alcune delle scene di sesso più hot della storia del cinema.

Scene di sesso: le 14 più hot della storia del cinema
Fonte: web
Foto 1 di 15
Ingrandisci