A volte il termine ipersessualità viene usato a sproposito. Non si tratta semplicemente di un impeto di passione più o meno prolungato, ma di un fenomeno psicologico che presenta numerosi rischi per la salute fisica e mentale.

Basti pensare che è tra gli effetti collaterali di alcuni farmaci di contrasto alla mastite, accanto a mal di testa, nausea e vomito: quindi non si tratta affatto di qualcosa di piacevole ma bisogna tenersene in guardia.

Cos’è l’ipersessualità?

Si tratta, come spiega Mayo Clinic di un comportamento sessuale compulsivo, a volte detto anche dipendenza sessuale. Non si concretizza solo attraverso la ricerca spasmodica di rapporti sessuali o masturbazione, ma anche nell’indulgere eccessivamente in fantasie.

E non è affatto piacevole, perché può influire negativamente in ogni ambito della propria vita e lascia dietro di sé un senso di insoddisfazione, ansia, vergogna.

Le cause dell’ipersessualità

Ipersessualità
Fonte: Pixabay

Secondo Mayo Clinic, le cause del fenomeno non sono del tutto chiare, ma alcune sono state individuate in:

  • uno squilibrio di sostanze naturali nel cervello come serotonina, dopamina e norepinefrina;
  • un cambiamento nei circuiti neurali, simile a quello che capita con altri tipi di dipendenze;
  • malattie e condizioni che colpiscono il cervello, come epilessia e demenza;
  • alcuni farmaci agonisti della dopamina, come quelli che vengono usati per contrastare il morbo di Parkinson.
Pornodipendenza: quando il sesso online diventa assuefazione?

Il rischio di un comportamento sessuale compulsivo è amplificato dalla facilità di accedere oggi a materiale pornografico, dall’uso sostenuto o all’abuso di alcol e droghe, un eventuale passato di abusi fisici (soprattutto sessuali), la connessione con altre dipendenze come la ludopatia, alcune condizioni che riguardano la salute mentale, come depressione e ansia.

Oltre alle cause, è bene sapere che questo tipo di problematica presenta delle conseguenze gravi, come cali dell’autostima, sensi di colpa, tendenza al suicidio, allontanamento dalle persone care, diminuzione di attenzione al lavoro, esposizione a malattie a trasmissione sessuale.

Inoltre, se si indulge in comportamenti non desiderati verso altre persone, si rischia anche l’arresto per reati sessuali naturalmente.

Ipersessualità: i sintomi e come riconoscerla

Non ci sono dei veri e propri sintomi, ma Mayo Clinic suggerisce alcune domande che ci si può porre per capire quando è il caso di chiedere aiuto a uno specialista e, come vedremo, anche a uno psicoterapeuta. Queste domande possono essere:

  • Hai fantasie e comportamenti sessuali fuori controllo?
  • Ti senti spinto a comportamenti sessuali per allentare la tensione?
  • Provi sensi di colpa dopo un rapporto sessuale o la masturbazione?
  • Hai tentato di ridurre fantasie e rapporti senza riuscire?
  • Il sesso è per te fuga dai problemi quotidiani?
  • Hai difficoltà a mantenere delle relazioni anche non sentimentali?

Il legame tra ipersessualità e disturbo bipolare

Ipersessualità
Fonte: Pixabay

Secondo EverydayHealth, chi soffre di un disturbo bipolare è molto più soggetto all’ipersessualità, naturalmente nella fase maniacale.

Quando il disturbo bipolare non viene trattato in modo efficace – ha spiegato la psichiatra Adele C. Viguera – l’ipersessualità è spesso un sintomo che può devastare la vita di una persona e portare a decisioni sbagliate con possibili conseguenze gravi e negative. Trattare i sintomi bipolari e tenere sotto controllo l’ipomania e la mania spesso aiuta anche contro l’ipersessualità. Si tratta la malattia, non il sintomo. I trattamenti di solito comportano farmaci come stabilizzatori dell’umore o antipsicotici, nonché psicoterapia come la terapia cognitivo-comportamentale o la terapia del ritmo sociale interpersonale.

Ninfomania, la verità sul "furore uterino" e la satiriasi, la ninfomania maschile

Ipersessualità: terapia e cure

Le cure per l’ipersessualità partono, analogamente, dalla causa che l’ha provocata: quindi si cerca di risalire alla condizione o alla patologia che l’ha scatenata e vengono prescritti dei farmaci di conseguenza.

Altre volte, invece, quando il fenomeno è causato proprio da farmaci, questi vengono sostituiti o si cerca di attenuare l’ipersessualità attraverso medicine che eliminino gli effetti indesiderati della causa come è appunto la dipendenza sessuale.

Accanto alla somministrazione dei farmaci, vengono consigliate delle sedute individuali di psicoterapia, anche perché molto spesso c’è da riprendere in mano le redini della propria vita.

Ipersessualità e sesso frequente, c’è una differenza?

L’ipersessualità non va confusa con i rapporti sessuali o la masturbazione frequente, quando essi sono basati sulla sex positivity. È possibile infatti che in alcune o molte fasi della nostra vita siamo portati a praticare tanto sesso, magari trascinati dalla passione reciproca con un partner che può essere stabile oppure temporaneo, ma nel caso della sex positivity il sesso avviene con gioia e senza nessuna vergogna.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!