diredonna network
logo
Stai leggendo: Ma quali frecce di Cupido? L’Amore dipende dalle modifiche del Dna!

Chi sono gli uomini che amano le donne transgender

Il sesso secondo Cameron Diaz: "L'importante è farne tanto"

"Perché è freddo e distante durante i rapporti sessuali?"

Si può tradire senza sesso?

Il sesso secondo il tuo segno zodiacale: scopri la tua posizione

Pausa di riflessione: quando può essere utile e quando è una scusa per lasciare

Lingam, il massaggio tantrico del pene: come si fa e benefici

"Litighiamo sempre perché preferisce la PlayStation a me"

Separazione dei beni: quando è consigliata e cosa accade in caso di decesso

"Sono ancora vergine e non riesco a fare l’amore"

Ma quali frecce di Cupido? L'Amore dipende dalle modifiche del Dna!

Uno studio ha dimostrato che le relazioni stabili dipendono da modifiche del Dna successive all'accoppiamento: almeno è così per il topo delle praterie americane!
fine-amore-musica

 

Amore. Love. Amor. Amour. Liefde. Liebe. Diliges. Potete dirlo in qualsiasi lingua del mondo, viva o morta. Il significato è sempre quello: Amore. Quello che ci rende inspiegabilmente felici, anche quando tutto il mondo sembra essere contro di noi. Quello che, specialmente noi donne, cerchiamo sin da bambine e che riesce ad addolcire anche il più duro tra i cuori degli uomini. Quello che, quando finisce, rende estranei due persone che fino a poco tempo prima avevano condiviso tutto: sogni, desideri, speranze, timori.

Ebbene, la rivista Nature Neuroscience da Mohamed Kabbaj della Florida State University, ha pubblicato uno studio secondo il quale i comportamenti di unione e fedeltà – alla base dell’amore – dipenderebbero da due geni recettori dell’ossitocina e vasopressina, ormoni che influenzerebbero le emozioni e i sentimenti. In pratica, dopo l’accoppiamento intervengono modifiche a livello del Dna che a loro volta, portano ad una maggiore attività dei due geni dell’amore. Il risultato è la formazione di  una coppia stabile, almeno per quanto riguarda la specie animale che è stato oggetto di esperimento. La ricerca è stata effettuata su un animale noto per la sua natura monogama che lo porta a costruire una vera e propria famiglia, con divisione di compiti e cura della prole: l’arvicola o topo delle praterie americane.

Nell’antichità si pensava che l’amore scattasse perché un bambino alato e maldestro di nome Cupido – Eros per i greci – faceva scoccare le sue frecce, colpendo gli esseri umani per farli innamorare.  Celebre è anche la versione del Simposio di Platone: un tempo gli esseri umani erano esseri perfetti ma Zeus, invidioso, li divise in due. Da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà, per ritrovare l’antica perfezione. Di certo, queste spiegazioni sono più romantiche  rispetto a geni, ormoni, esperimenti, eccetera. Anche perché, per gli esseri umani, non è detto che dopo un accoppiamento si formi una coppia stabile! E quindi, perchè noi esseri umani ci innamoriamo? Forse Cupido esiste per davvero!