diredonna network
logo
Stai leggendo: Dental dam: come usarlo per il sesso orale

Dental dam: come usarlo per il sesso orale

Le malattie sessualmente trasmissibili sono una realtà che fa paura. Ma come non rinunciare al sesso orale proteggendosi adeguatamente? La risposta è semplice: con il dental dam.
Dental dam

La traduzione in italiano di questo oggetto è «diga dentale». In effetti, il dental dam ha a che vedere con il lavoro del dentista ed è una vera e propria barriera, come una diga. Si tratta infatti di un lenzuolo asettico e isolante dai germi, solitamente in lattice – ma anche in altri materiali, per chi è allergico – che viene utilizzato dai dentisti quando hanno bisogno di isolare zone particolari della bocca da curare. Accade però che questo particolare lenzuolo venga utilizzato anche in maniera non proprio ortodossa e cioè per tutelarsi dalle malattie sessualmente trasmissibili durante il sesso orale.

Oggi la sicurezza tra le lenzuola è una priorità cui nessuno può rinunciare. Dobbiamo assolutamente mettere al bando la leggerezza che a volte alcune di noi potrebbero aver tenuto nell’approcciarsi a pratiche sessuali che portino a scambio di umori. È completamente sbagliato. Hiv, papilloma virus, ma anche l’epatite o altre malattie a trasmissione sessuale – le cronache degli ultimi tempi annoverano delle statistiche preoccupanti rispetto alla gonorrea per esempio – non fanno certo eccezioni se non siamo noi a stare attente in primo luogo.

Quando parliamo dell’argomento, ci riferiamo all’utilizzo delle precauzioni durante rapporti sessuali occasionali, con persone che si conoscono poco, ma anche in rapporti consolidati, soprattutto se si è in una relazione aperta. In ogni caso, nessuno può avere la certezza di non essere mai stata tradito. Meglio andare sul sicuro. Ma come si fa? Quando è l’uomo a ricevere la fellatio, possiamo ricorrere al preservativo, quando ci viene fatto un cunnilingus, oltre che con il femidom, il profilattico femminile, possiamo riceverlo con il dental dam. Con il femidom però non può essere ricoperta l’intera area interessata dal sesso orale, mentre il dental dam può anche coprire l’ano in caso di anilingus.

Dental dam per il cunnilingus

Ma come funziona il dental dam con il cunnilungus? Innanzitutto, niente paura, i lenzuoli che vengono usati per il sesso orale non sono traforati come quelli del dentista. Certo, è sempre bene dare una controllata controluce, quando si apre un nuovo dental dam, giusto per controllare se li avete conservati bene, esattamente come i profilattici. E, analogamente, bisogna stare attente a non rompere il lenzuolo in nessun modo, con le unghie, i piercing e eventuali altri gioielli o bijoux che il nostro o la nostra partner potrebbe indossare.

Il dental dam viene letteralmente steso sulla vostra vagina. Si può pensare a un lubrificante a base d’acqua per aumentare la sensibilità della zona, sempre che se ne senta la necessità, come spiega Elle. Uno dei due, voi o il vostro partner, dovrebbe tener fermo il lenzuolo sulla zona interessata, in modo che non si sposti, esponendo la nostra zona più delicata al pericolo di germi, infezioni e quindi malattie sessuali. Naturalmente, dopo averlo utilizzato, è bene buttarlo immediatamente via, perché appunto gli umori di cui potrebbe essere ricoperto sono un ricettacolo di germi o malattie. E anche perché si tratta di prodotti assolutamente monouso.

Dental dam con i preservativi

Dental dam
Fonte: Pixabay

C’è chi consiglia, in Rete, di ricreare un dental dam con i preservativi. Da un lato è un vantaggio, perché i preservativi sono già ricoperti di lubrificante, ma noi ci permettiamo comunque di diffidare. I preservativi sono fatti in un determinato modo e per un determinato utilizzo. Tagliarli e adattarli per un uso, sebbene analogo, potrebbe presentare dei fattori di rischio, soprattutto se si è troppo ottimisti con le proprie capacità di riciclo creativo. Chiariamo: il concetto alla base della scelta non è sbagliato. Il profilattico è asettico, lubrificato e soprattutto costituisce una barriera importante a livello sessuale. Quindi comprendiamo come sia nata la questione, ma restiamo ferme sulla nostra posizione e cioè di evitare di pasticciare con i condom.