Anonimo

chiede:

Buongiorno dottoressa… C’è un dubbio che mi tormenta. Ho difficoltà nel raggiungere l’orgasmo, sia avendo rapporti con uomini che praticando autoerotismo. L’unica maniera per raggiungerlo (e anche in tempi brevi con mio stupore) è pensarmi in un amplesso con una donna. Non vorrei avere una vita sentimentale con una donna ma, sessualmente parlando, è l’unico stimolo che mi appaga fino al raggiungimento di un piacere intenso. E nella pratica, desidero fortemente praticare del sesso con donne, escludendo completamente gli uomini . Cosa significa ? Può schiarirmi un po’ le idee? La ringrazio.

Utente

Dr. Cristina Colantuono

risponde:

Carissima,
fantasie sessuali e orientamento sessuale non sempre coincidono. Puoi essere eccitata nel vedere due donne insieme, ma essere felicemente eterosessuale, oppure renderti conto che in realtà la tua è omosessualità latente e il tuo desiderio nascosto è escludere gli uomini dalla tua vita, non soltanto a letto.
È quindi una domanda complessa, che richiede un ulteriore approfondimento che non può essere fatto per scritto ma dal vivo, nello studio di uno psicologo.
Pensa a questa possibilità e nel darti però una risposta sull’immediato, ti consiglio nel frattempo di conoscere meglio questo aspetto di te.

Calati nei panni di uno scienziato, avvicinati al fenomeno e studialo, mettilo alla prova, individua ipotesi e vai avanti a prove e tentativi.
Cioè avvicinati al mondo omosessuale femminile, entra in un locale gay, parla con una donna lesbica, frequenta questo mondo e osserva cosa provi.
Rimani però sempre in stretto contatto con le tue emozioni e rispetta quello che provi, non forzarti a far nulla ma segui il tuo istinto.
Poi fai lo stesso frequentando un uomo. E paragona le sue esperienze.
Questi “esperimenti” ti aiuteranno tanto a chiarirti le idee e saranno materiale utilissimo da riportare alla psicologa, se deciderai di richiedere un parere da un esperto.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento