logo
Stai leggendo: “Perché riesco a raggiungere l’orgasmo solo da sola e con lui no?”

"Perché riesco a raggiungere l'orgasmo solo da sola e con lui no?"

"Quella volta non abbiamo fatto sesso, nel senso del pene che entra in una vagina, ma è stata una delle sere di migliore sesso, nel senso vero e più ampio del termine, che abbia mai fatto".

Il fatto è che la maggior parte di noi non ha ancora capito che il sesso non è solo un pene che entra in una vagina – se si parla di sesso etero, ovvio! -; allo stesso modo l’orgasmo non è il risultato meccanico di una precisa stimolazione.

Ho pensato molto alla domanda di una lettrice:

Ho 17 anni e sto con un ragazzo da 8 mesi, facciamo sesso da 5 mesi ma tranne un paio di volte a fatica non sono mai riuscita a raggiungere l’orgasmo. Non credo di avere problemi io perché quando mi arrangio da sola ce la faccio.

Cara ragazza, se avessi con te la confidenza che si ha con un’amica ti direi “se non lo sai tu, come posso dirtelo io?”.
Ma se fossi una tua amica saprei probabilmente quello che mi impedisce di darti una vera risposta, cosa che di fatto non posso fare, perché non mi dici nulla di te a parte la tua età e qualche “dato” sul tuo ragazzo.

Lui è il tuo primo ragazzo (forse no, visto che non accenni ad alcuna prima volta)? Con gli altri come andava? Raggiungevi sempre l’orgasmo? Quando lui ti tocca, ti senti eccitata? Hai voglia? Lo desideri? Ti piace quello che fa? Cosa senti di diverso quando ti masturbi da sola? Ne avete parlato e lui è al corrente del problema o magari fingi come fanno tante donne?

Il fatto è che a questa tua domanda non posso rispondere io e non potrebbe rispondere neppure un guru della sessuologia, perché è posta nel modo sbagliato.
Chiedi “perché faccio sesso con lui e non riesco a raggiungere l’orgasmo, quando da sola ci riesco?”, come se chiedessi “perché metto il pin e non riesco a sbloccare il telefono, mentre con l’impronta digitale ce la faccio?”.

Non stai parlando di un telefono e a causa non necessariamente corrisponde l’effetto atteso: stai parlando di corpi, di emozioni, di sensazioni, di bagagli emotivi che ci portiamo dentro, a volte senza saperlo, di odori, di liquidi primordiali, di alchimie. Il sesso non è una cosa meccanica. Di certo non un’azione cui corrisponde una reazione a priori.

Esclusa qualsiasi complicazione fisiologica o patologica – e il fatto che con la masturbazione raggiungi l’orgasmo la dice lunga -, è chiaro che il problema sta su una altro livello e probabilmente sta nella risposta a una o più di queste domande.

Non sono né una sessuologa, né una trainer sessuale, ma credo che anche un professionista concordi su questa cosa.

Però una cosa posso dirtela con certezza. È molto bello che, alla tua età, tu pratichi, da quanto scrivi, la masturbazione. È bello che tu tocchi il tuo corpo, la tua vagina, il clitoride, l’ano e impari sin da subito a conoscere quello che alcune donne non impareranno mai ad esplorare per qualche retaggio culturale castrante e profondamente sbagliato.

Sapresti disegnare la tua vagina? L’hai mai guardata a uno specchio? Se l’hai fatto probabilmente penserai che è normale e invece, purtroppo, la maggior parte delle donne oltre i 40 anni non ha mai fatto né una cosa, né l’altra e non hanno idea di cosa c’è davvero tra le loro gambe.

Strano, no? Di più, un vero e proprio peccato. Come possiamo “usare” al meglio qualcosa che non conosciamo? Come saper dire a un uomo ciò che ci piace se siamo noi le prime a non saperlo?

Tu probabilmente in parte già lo sai e in parte lo stai scoprendo. Perché non dire al tuo ragazzo cosa ti manda più in estasi quando ti masturbi da sola? C’è un pensiero ricorrente? (condividetelo!); c’è una stimolazione che non ti permette di trattenere l’eccitazione e ti porta in breve tempo all’orgasmo? (condividetela!); c’è al contrario una posizione o qualcosa che ti inibisce, ti genera dei fastidi o ti fa sentire a disagio? (condividetela!)

Ti voglio raccontare una cosa.
Se fossi una donna che sa stare in una coppia tradizionale non avrei dubbi sul fatto che Mister X, lo chiamerò così con poca fantasia, sarebbe l’uomo della mia vita.
Di fatto lo è, anche se agli occhi degli altri siamo eternamente amanti e ciclicamente l’amore impossibile e a distanza l’uno dell’altra.

C’è stato un momento in cui la nostra non-coppia ha rischiato di scoppiare e il sesso, che è l’unica cosa che ha sempre funzionato al 100% tra noi due, a un certo punto non girava più. In quel periodo avevo appena iniziato a scrivere per questa rubrica sessuale e una sera, dopo che gli avevo fatto leggere questo articolo sulle donne che si masturbano, mi ha chiesto di vedere il succhiaclitoride a forma di pinguino che avevo acquistato su Pleasure 4 You e di cui ho scritto qui:

Probabilmente leggere alcuni articoli così intimi insieme e stato come guardare un film erotico: ci ha eccitati e lui mi ha chiesto di poter provare a usare, ovviamente su di me, il mio buffo sex toys a forma di pinguino.

Quella volta non abbiamo fatto sesso, nel senso del pene che entra in una vagina, ma è stata una delle sere di migliore sesso, nel senso vero e più ampio del termine, che abbia mai fatto. Lui si è fatto guidare, chiedendomi cosa fare, assicurandosi che andasse bene così, cosa mi piaceva di più, cosa voleva che facessi poi. Mi ha chiesto di raccontargli cosa faccio quando mi masturbo da sola, a cosa penso.

Sono impazzita di piacere come raramente capita, perché lì c’eravamo noi, con i nostri corpi certo, ma anche con la nostra energia, con i nostri desideri e i pensieri più profondi.

Abbiamo fatto l’amore, senza che il suo pene entrasse nella mia vagina.

Da quel momento abbiamo provato altri sex toys che ho acquistato online, dallo stimola clitoride a forma di Totoro, che è un altro must della mia collezione di sex toys, a più o meno tradizionali vibratori o plug anali, all’anello vibrante per pene.

Ma fare sesso con i sex toys non è mai più stata una cosa meccanica, bensì un’occasione per raccontarci i noi stessi più profondi, i pensieri, le intenzioni, i desideri che contraddicono i fatti di cui una relazione come la nostra è piena e che, secondo le convenzioni, andrebbero nascosti.

Il fatto è che io e Mister X quando facciamo l’amore siamo davvero nudi, l’uno di fronte all’altra. Ben al di là dei vestiti. Ed è per questo che noi facciamo l’amore, anche se il mondo pensa che il nostro sia da sempre solo e meccanico sesso.

Tu hai mai provato a fare l’amore?

contiene contenuti promozionali