diredonna network
logo
Stai leggendo: 200 orgasmi in 36 ore

200 orgasmi in 36 ore

Un'infermiera è perseguitata da una malattia che le fa avere fino a 100 orgasmi al giorno! La malattia che affligge Kim Ramsey, un' infermiera inglese 44enne del New Jersey, ha un nome strano e degli effetti altrettanto bizzarri: è la sindrome da eccitazione genitale persistente che le hanno causato 200 orgasmi in ben 36 ore.

Sono sintomi fastidiosi dei quali, già in passato, se ne è sentito parlare: nel suo caso l’infermiera ha cominciato a soffrirne dopo un incidente d’auto che le ha provocato un trauma della colonna vertebrale. Il primo caso di questa forma rara di malattia fu registrato in New Mexico ma mai nessuna paziente affetta da questa sindrome aveva subito un attacco così lungo e così consistente.

A parlarne è anche The Sun alla quale l’infermiera ha detto: “ho avuto orgasmi continui per quattro giorni. Credevo di impazzire” e, parlando della sua ultima relazione ‘stabile’ con un ragazzo, nel lontano 2008, ha aggiunto, “È successo anche con un nuovo partner e, per fermare i miei orgasmi ho anche provato a sedermi su una confezione di piselli surgelati ma non mi ha aiutato”. A causa della sua malattia, non è neanche in grado di mantenere una relazione normale con un uomo.

Nel 2001 furono due sessuologi americani a rendere noto che alcune donne erano vittime di improvvise, e addirittura brutali, forme di eccitazione, senza che le loro parti intime venissero stimolate. Nel 2009 invece, il dottor Marcel Waldinger, pubblicò una dettagliata analisi su 18 casi. Le donne furono tutte sottoposte ad una serie di analisi: sangue, risonanza magnetica ed elettroencefalogramma, tutte comprese tra i 30 e i 70 anni. La maggior parte di loro avevano superato da poco la menopausa. I sintomi in questi 18 casi risultavano variabili ma, nel 75% di esse, la stimolazione sessuale veniva accompagnata da altri disturbi neurologici come spasmi alle gambe e iperattività della vescica.

Purtroppo non sembrano esistere rimedi. Diversi trattamenti sono ancora in fase di sperimentazione ma nessuno ha ancora sortito gli effetti sperati.