diredonna network
logo
Stai leggendo: “Ho provato tutte le scene di sesso di Cinquanta Sfumature di Nero in un week-end”

"Ho provato tutte le scene di sesso di Cinquanta Sfumature di Nero in un week-end"

Krista McHarden e suo marito hanno riprodotto le stesse scene di sesso di Cinquanta Sfumature di Grigio. Dopo l'uscita del sequel, Cinquanta Sfumature di Nero lo hanno rifatto e vogliamo condividere insieme a voi la loro esperienza.

In onore dell’uscita al cinema di Cinquanta Sfumature di Nero, dopo aver letto l’articolo, di cui abbiamo tradotto anche il titolo, di Krista McHarden su Cosmopolitan, abbiamo deciso di tradurlo e di condividerlo con voi. L’autrice ha deciso di provare tutte le scene di sesso estrapolate dal film, dopo aver fatto la stessa cosa, a suo tempo, con Cinquanta Sfumature di Grigio.

Prima che qualcuno inizi a correggerci con la penna rossa, precisiamo che il nostro obiettivo non è assolutamente quello di offrirvi una traduzione professionale. Vogliamo semplicemente condividere la sua esperienza, decisamente intrigante (e anche divertente). Buona lettura!

Ah, ancora una nota: sì, molte delle scene animate che trovate di seguito sono di 50 Sfumature di Grigio. Ma sappiamo che apprezzerete.

Dall’articolo di Krista McHarden

Due anni fa, ho fatto tutte le scene di sesso di Cinquanta Sfumature di Grigio in un solo fine settimana e ora l’ho fatto di nuovo con Cinquanta Sfumature di Nero perché a quanto pare odio me stessa e mio marito. Questi libri riescono davvero ad insegnarti qualcosa su di te, sapete? Devo anche sottolineare che non ho potuto farle proprio tutte, perché nessuno dei miei amici mi ha permesso di fare sesso sulle loro barche e anche perché non conosco nessuno che abbia una barca. Aiutatemi, sono povera.

1.  Il gelato

Fonte: Giphy – 50 sfumature di grigio

Sabato, ore 9:00

Nel libro:

Christian prende dell’altro gelato e me lo fa sgocciolare sul petto. Poi con il retro del cucchiaio me lo spalma sui seni e sui capezzoli. “Oh… è freddo.” I capezzoli si induriscono. «Freddo?» mi chiede dolcemente Christian e si china di nuovo per leccare e succhiare il gelato. La sua bocca è calda.

Come lo abbiamo fatto: Amo il gelato e anche mio marito. Quindi i nostri due giorni da Cinquanta Sfumature di Nero sono iniziati alla grande! Io mi sentivo come: “legami con una di quelle cravatte che ti ho comprato e che non hai mai indossato, poi spalmami il gelato su tutte le parti del corpo e facciamolo!” E questo è quello che abbiamo fatto. In un primo momento, la sensazione fredda del cucchiaio era un po’ fastidiosa sui miei capezzoli. Ma poi ho capito il motivo per il quale le persone mettono dei cubetti di ghiaccio sui loro corpi, è una sensazione molto bella!

Poi, mio marito si è fermato a mangiare un po’ di gelato (ok, ha mangiato metà contenitore e io ero come: “bah, sono legata qui, andiamo!” Ma ha insistito che questo è ciò che ha fatto Christian Grey, perciò chi ero io per discutere?)

Dopo aver finito di godersi il gelato, si è posato su di me. In un primo momento la sua bocca era fredda, ma dopo pochi secondi, è tornata di nuovo calda, quindi via con il sesso orale, che è sempre una bella esperienza. Non capisco perché ci siano altri tipi di sesso quando esiste il sesso orale, è così ottimo. Sapete cosa non mi è piaciuto? Pulire! Tra il gelato alla vaniglia appiccicoso e vari umori corporei era vomitevole. La cameriera di Christian Grey deve averlo odiato.

2.  Le sfere

Sabato, ore 11:00

Nel libro:

Sorride e scuote la testa, come per ammonirmi, perciò lo lascio andare. Mi fa un cenno e io mi piego, reggendomi alla sedia. Lui mi scosta le mutandine di lato, molto lentamente, e infila un dito dentro di me, disegnando lenti cerchi, perciò lo sento, ovunque. Un gemito mi sfugge dalle labbra. Lui sfila il dito e, con estrema cura, inserisce le sfere, una alla volta, spingendole dentro. Dopo che le ha sistemate, mi rimette a posto le mutandine e mi bacia il sedere.

Come lo abbiamo fatto: Ho comprato le sfere vaginali e non le ho più usate dal 2015. Le ho conservate nel portagioie insieme alle perle di mia nonna. Le ho tirate fuori, le ho spolverate (le ho lavate a fondo), mi sono piegata e mio marito le ha spinte dentro di me. Ho provato la stessa sensazione dell’ultima volta. Dal momento che non siamo stati invitati a un ballo in maschera, perché non siamo i personaggi di un romanzo di E.L. James o del Fantasma dell’Opera, nel pomeriggio siamo andati alla festa di compleanno di un mio amico in un parco. È stato imbarazzante, tutto quello che riuscivo a pensare per tutto il tempo era: “ho delle palline nella mia vagina”. Non ho potuto fare a meno di chiedermi: “quante altre persone qui hanno utilizzato le palline vaginali nelle loro parti intime?

Comunque, ho pensato anche che tenerle dentro di me era come fare costanti esercizi di Kegel. Ogni tanto mio marito mi guardava e scuoteva la testa come se provasse compassione, ma era il nostro “segreto sexy”. Di fatto non mi piaceva. La mia vagina senza le palline sta molto meglio e non devo preoccuparmi costantemente che mi cadano come in un gioco di cricket su prato. Quindi, è stato divertente e tutto, ma le sfere vaginali andranno dritte nella scatola dei gioielli e non vedranno più la luce del giorno fino a quando E.L. James non me le farà infilare di nuovo per Cinquanta Sfumature di Rosso.

Per la terza posizione vi proponiamo una scena che sicuramente ricorderete bene:

3.  Spanking in camera

Fonte: Universal Pictures / Cosmopolitan – Cinquanta sfumature di grigio

Sabato, ore 16:00

Nel libro:

«Metti le mani dietro la schiena» mormora. “Oh!” Si toglie il papillon e lo usa per legarmi velocemente i polsi. «Lo vuoi davvero, Anastasia?» Chiudo gli occhi. Questa è la prima volta da quando l’ho incontrato che voglio davvero una cosa del genere. Ne ho bisogno. «Sì» sussurro. «Perché?» mi chiede dolcemente mentre mi accarezza il sedere. Gemo non appena la sua mano viene a contatto con la mia pelle.

Come lo abbiamo fatto: Il letto d’infanzia di mio marito è stato trasformato in un santuario da mia suocera e dal momento che lui non possiede un papillon perché non è Bill Nye – noto conduttore e divulgatore scientifico statunitense, ndr – (sfortunatamente) abbiamo solamente fatto la parte della sculacciata. Non pensavo di dover esser mai sculacciata perché, onestamente, trovo l’idea di essere sottomessa da un uomo poco attraente. Ma devo dire che ho sentito un formicolio. Dopo la sculacciata, lo abbiamo fatto. Dovremmo sicuramente aggiungere questa fase alla nostra regolare routine sessuale. Fin qui tutto bene! È molto meglio del primo libro. Onestamente penso che oggi sarei in grado di fare molto più sesso, il che è una cosa buona, perché devo!

4.  Spanking con righello

Sabato, ore 19:00

Nel libro:

«Apri le gambe» mormora e per un momento esito. Lui mi colpisce forte. Con il righello! Il rumore fa più male della sferzata, e mi coglie di sorpresa. Sussulto, e lui mi colpisce ancora. «Le gambe» ordina. Io le apro, boccheggiando. Il righello mi colpisce ancora.


«Ora voglio scoparti» mi dice, la voce tesa. «Sì» mormoro con desiderio. Lui si abbassa la cerniera, e io mi sdraio ansimante sul tavolo, sapendo che sarà violento.

Come lo abbiamo fatto: Non abbiamo un tavolo da biliardo, perché abbiamo preso un sacco di decisioni finanziarie da poveri nella nostra vita, ma avevo intenzione di usare un righello, proprio come ha fatto Christian. Abbiamo voluto cercare di rimanere quanto più possibile fedeli al libro, così mentre Christian e Ana si sono sfidati in piscina per determinare se Ana fosse dovuta tornare nella stanza roosa, noi abbiamo tirato fuori la scheda di Scarabeo e ci siamo impegnati in un eccitante gioco di parole per decidere chi avrebbe dovuto portare fuori il cane dopo averlo fatto. So che non è una cosa sexy, io sono mediocre a Scarabeo, mentre mio marito è davvero terribile, così ho vinto con un punteggio doppio con la parola “patata”. Questo significa che ho avuto modo di sculacciare mio marito con un righello! OH, IL POTERE!

Gli ho detto di piegarsi, così ho potuto colpirlo proprio al centro del suo sedere. Il mio monologo interiore era qualcosa di simile: “questo è per le sfere vaginali, e questo è per non aver detto a tua sorella di riportarmi indietro la mia scodella preferita. Questo è per non aver letto nella mia mente quando volevo andare a prendere il sushi al posto del cibo messicano”. Ero così trasportata, che quasi non mi sono accorta che mio marito mi diceva di smetterla e che voleva andare a letto. Io gli ho detto di no perché dovevamo ancora fare sesso sulla scheda di Scarabeo e, dopo un lungo sospiro, mi ha presa e mi ha poggiata sulla scheda di Scarabeo. I tasselli di legno del gioco volavano e noi avevamo freddo, il sesso era irregolare su un mucchio di tasselli.

E sì, anche questa scena di sesso in ascensore (questa sì, da 50 sfumature di nero), è stata replicata dai due:

5. Masturbazione in ascensore

Fonte: Universal Pictures / Cosmopolitan

Domenica, ore 11:00

Nel libro:

Quando le porte si chiudono, Christian, di fianco a me, si china per allacciarsi una stringa. Strano, le sue scarpe non sono slacciate. Senza dare nell’occhio, mi mette una mano sulla caviglia, facendomi sussultare, e mentre si alza, la sua mano scorre deliziosamente lungo la mia gamba fino in alto. “Wow!” Devo trattenere un gemito di sorpresa quando raggiunge il mio sedere. Christian si sposta alle mie spalle. “Oddio.” Fisso a bocca aperta le persone davanti a noi, le loro schiene e le loro teste. Non hanno idea di quello che stiamo facendo. Christian mi cinge la vita con un braccio, tenendomi ferma mentre le sue dita mi esplorano. “Non posso crederci… qui?” L’ascensore scende dolcemente, fermandosi al cinquantaduesimo piano per lasciar salire altre persone, ma io non sto facendo attenzione. Sono concentrata su ogni movimento che le sue dita compiono. Cerchi… Adesso si muovono in avanti, bramose, mentre noi arretriamo.

Come lo abbiamo fatto: Ho svegliato mio marito per un altro giorno di sesso e devo essere sincera: mi sentivo potentemente bene! Ieri non è stato male e sebbene abbiamo dovuto cambiare un po’ di biancheria e avevo ancora una piastrella di Scarabeo attaccata alla mia tetta sinistra, non sentivo che la mia vagina era sul punto di cadere fuori dal corpo a causa del troppo sesso. Quindi hey! Molto meglio dell’ultima volta!

Anche mio marito si sentiva bene, anche se trepidava un po’ per il nostro primo compito di oggi. Non voleva essere arrestato, e di certo non voleva essere arrestato mentre aveva la mano dentro la mia vagina. MI DISPIACE ESSERE COSÌ ESPLICITA, MA QUESTI SONO I FATTI! Ci siamo diretti in un hotel nelle vicinanze e siamo saliti in ascensore con un gruppo di ragazzi e di mamme al ritorno dalla piscina. Mio marito ha leggermente picchiettato il mio sedere, ma si è rifiutato di fare di più perché c’erano dei bambini, comprensibile.

6.  Il divaricatore

Domenica, ore 13:00

Nel libro:

Inizia il suo assalto lento e sensuale, la lingua che turbina più volte mentre le dita si muovono dentro di me. Poiché non posso chiudere le gambe, o muovermi in alcun modo, la sensazione è intensa, molto intensa. Inarco la schiena mentre cerco di assorbirla. «Oh, Christian» uggiolo. «Lo so, piccola» sospira, e facendosi largo verso di me, soffia dolcemente sulla parte più sensibile del mio corpo.

Come lo abbiamo fatto: Uh, accidenti! Dall’afferrare un sedere in un ascensore fino all’utilizzo di un divaricatore. Cinquanta sfumature ha sempre qualche sorpresa! Proprio quando pensiamo che E.L. James stia andando da una parte, invece va dall’altra. In sostanza, un divaricatore è un oggetto che viene utilizzato per espandere e mantenere aperte le ginocchia, le gambe o le braccia di una persona. Quello che ho acquistato dal mio sexy shop preferito su Amazon aveva le cavigliere pelose incorporate, ho pensato che fosse un bel tocco originale. Tuttavia ero preoccupata perché non mi piace il fatto di non avere il controllo sugli arti in qualsiasi momento. Quindi, questo strumento di tortura giocoso è stato un po’ come una tortura vera e propria e mi è stato difficile godere con i movimenti limitati. Mio marito non ne andava pazzo, un po’ perché non siamo riusciti a toccarci e ad abbracciarci l’un l’altro, un po’ perché siamo due romantici piccioncini.

Abbracciarsi è la parte migliore! Chi scriverà “Cinquanta sfumature di abbracci dolci e baci romantici”?

Ed eccoci alla scena della doccia, sempre da 50 sfumature di nero anche nella sequenza che vi proponiamo:

7.  La doccia

Fonte: Giphy

Domenica, ore 15:00

Nel libro:

«Voglio lavarti tutto» sussurro. Lui fa il suo sorriso di traverso e alza le mani in un gesto che dice: “Sono tutto tuo, piccola”. Sogghigno. Sono felice come un bambino a Natale. In fretta, gli tiro giù la cerniera e presto lo libero dei pantaloni e dei boxer, gettandoli con il resto dei vestiti. Prendo di nuovo il bagnoschiuma e una spugna. «Sembra che tu sia contento di vedermi» mormoro

Come lo abbiamo fatto: Beh, questa è stata una grande spina nel sedere. Il sesso nella doccia, solitamente, è più doloroso che altro. Ma il sesso in doccia con la rimozione dei vestiti bagnati è fondamentalmente inaccettabile. Bene. Siamo entrati nella doccia con riluttanza completamente vestiti. Meno male che ho indossato dei vestiti di cotone, altrimenti sarebbe stato uno spettacolo veramente di m***a. Una volta che eravamo bagnati fradici, abbiamo cercato di toglierci i vestiti a vicenda, era difficile e fastidioso, perché i vestiti bagnati si attaccano al corpo. Poi, uno dei tanti problemi del sesso nella doccia è che fa freddo, quindi abbiamo dovuto cambiare posizione, ma faceva ancora freddo, così abbiamo dovuto cambiare di nuovo posizione e poi mi son detta: “Per favore, mettici buona volontà a fartelo diventare duro in modo che possiamo farla finita”. E quell’uomo, che sia benedetto, ha usato tutta la sua fantasia per ottenere un’erezione di classe mondiale e mi ha presa da dietro nella doccia. Il sesso si è concluso abbastanza velocemente, siamo usciti dalla doccia, abbiamo gettato i vestiti in lavatrice e siamo rimasti davanti al termosifone per 15 minuti.

8.  La scena nella stanza

Domenica, ore 17:00

Nel libro:

«Ssh, sentilo, Ana. Non avere paura.» Le sue mani ora sono sui miei fianchi, e mi tengono, ma io non posso concentrarmi su quelle, su ciò che c’è dentro di me e anche sulle pinze. Il mio corpo è ormai prossimo a esplodere, grazie all’incessante vibrazione e alla dolce, dolcissima tortura sui capezzoli. “Porca miseria.” È troppo intenso. Le sue mani si spostano dai miei fianchi, con movimenti circolari e verso il basso, rese scivolose dall’olio. Sfiorano, palpano, premono la mia pelle. Il mio sedere.

Come lo abbiamo fatto: Questa è l’ultima scena di sesso che dobbiamo fare? È stato veloce! A questo punto del gioco, eravamo entrambi in punto di morte. Il fatto di essere sopravvissuti avrebbe dovuto garantirci il premio Pulitzer, ma io sono qui! Non ho avuto il premio Pulitzer, ma ho un prurito vaginale. Comunque! Sembra che Cinquanta Sfumature di Nero abbia conservato la cosa più folle per ultima perché questa scena è super lunga. Abbiamo dovuto tenere le pagine del libro aperte.

Quindi, per prima cosa mio marito mi ha posizionato i nipple clamps. Mi ha chiesto come stava il mio benessere mentale, io gli ho risposto: “continua, facciamola finita”! Mi ha guardata come se fossi la creatura più triste della terra, poi mi ha legato le gambe alle colonne del letto e i polsi dietro la testa. In seguito, ha posizionato un piccolo vibratore nella mia bocca e poi nella mia vagina. A quel punto, mi ha detto che si sentiva come il dottor Frankenstein e che io ero la sua creatura. Non mi sono mai sentita più sexy. A dire il vero, mi sentivo come un prosciutto di Natale, ma sessualmente meno attraente. Si presuppone che avremmo dovuto fare sesso, ma la mia vagina era asciutta e il suo pene era duro come una lumaca. Quindi mi ha tolto i nipple clamps, ha tirato fuori il vibratore e mi ha slegata. Credo che se avessimo fatto tutte queste cose in una sola volta, sarebbe stato più divertente.

Nel complesso, eravamo entrambi stanchi e volevamo vedere un film. Adesso sapete come ci si sente dopo un week end a fare sesso come in Cinquanta Sfumature. Il grande esperimento si è concluso con le coccole sul divano, abbiamo mangiato il resto del gelato alla vaniglia e abbiamo guardato un programma televisivo su uno zombie che non riesce a smettere di masticare della carne umana.

Tutto perfetto. Fino alla prossima.

L’articolo originale è qui