logo
Stai leggendo: “C’è una ragazza trans a scuola, vorrei chiederle di uscire, ma cosa dirà la gente?”

"C'è una ragazza trans a scuola, vorrei chiederle di uscire, ma cosa dirà la gente?"

Un adolescente ama la sua compagna di scuola transgender, ma ha paura a uscire con lei per quello che potrebbe dire la gente. Ecco perché dovrebbe lasciare che l'amore faccia il suo corso contro tutto e tutti.

Cosa passa per la mente di un adolescente che si innamora di una sua coetanea transgender? Cerchiamo di non cadere in quelle che sembrano classiche remore, ma in realtà sono indice di transfobia: no, l’adolescente in questione non deve aver paura di quello che dirà la gente del suo amore. E no, non è vero che quando si è così giovani è tutto più complicato, perché la questione non cambia quando si è adulti, le remore si ripresentano immutate. La verità è che, in generale, non si può vivere temendo il giudizio degli altri, soprattutto quando si parla d’amore.

Su Reddit – poi riportato da BoredPanda – è apparso il quesito di un 17enne che si è innamorato di una coetanea trans appunto. Questo ragazzo ha chiesto aiuto alla sorella maggiore, che teme verrà bullizzato, e al fratello minore, che invece gli ha consigliato di portare dei fiori alla ragazza transgender. Tanti utenti Reddit hanno invitato il ragazzo a infischiarsene degli altri – tanto più che è lui stesso a porre un interrogativo sugli pseudo-amici che riderebbero della sua ragazza. Noi abbiamo tradotto il suo intervento sul forum, anche perché lo abbiamo trovato tenerissimo. Perché ne siamo convinte: non si sceglie chi amare, ma si sceglie di amarlo fino in fondo, ed è sempre la cosa giusta da fare. Che poi è più o meno il consiglio che ha dato al ragazzo perfino l’attrice di Orange Is The New Black Laverne Cox.

“C’è una ragazza trans [di 17 anni] nella mia scuola [io ho 17 anni] e non me la tolgo dalla testa. Ho una cotta enorme per lei ma sono spaventato del suicidio sociale se le chiedo di uscire.
Signore e signori di Reddit, non possono neppure iniziare a spiegare quanto sia assolutamente e dolorosamente bella questa ragazza. Mi fa sentire completamente pazzo d’amore. Se fossi un cartone animato, i miei occhi si tramuterebbero in cuori e uscirebbero dalla loro orbita ogni volta che la vedo. Mi fa tremare le ginocchia… le farfalle nello stomaco sono tante e aggressive… potrei scrivere poesie su questa donna.
Sfortunatamente la maggior parte delle persone non la vede come me. Lei ha iniziato la transizione solo un anno mezzo fa. È una piccola comunità, così lei è stata sempre in giro da quando è iniziata la scuola. Un sacco di gente si riferisce a lei come “lui”. Ho anche sentito un insegnante a due per sbaglio, o forse apposta, chiamarla col suo vecchio nome. Lei ha ora un nome molto più femminile.
Le ragazze sono più amichevoli con lei, ma un sacco di ragazzi, inclusi i miei amici, fanno un sacco di battute scortesi e dispregiative su di lei. Dicono che lei non sarà mai una vera donna e che mai toccherebbero qualcuno come lei.
Tuttavia lei è così vera per me. Non ho nessun dubbio. Non mi sono mai sentito così innamorato di una ragazza prima. Andiamo allo stesso club d’arte dopo scuola che è dove ho iniziato a innamorarmi di lei. La sua arte, ragazzi. La sua arte…
Ha un sacco di talento. C’è stata la settimana del ritratto e noi siamo stati appaiati. Ci siamo fatti il ritratto l’un l’altra ed è stato magico. È stato un momento à la Jack e Rose, con l’eccezione che nessuno dei due era nudo e nessuno è morto. Ha detto che le è piaciuto il ritratto che ho disegnato di lei e mi ha chiesto di tenerlo.
Ci siamo scambiati il numero e ci mandiamo tanti messaggini. La scorsa sera mi ha chiesto di uscire qualche volta oltre la scuola. Al momento sono a casa, mezzo morto per l’influenza, ma quando starò meglio la voglio davvero portare fuori. Voglio fare qualcosa di estremamente speciale. Voglio chiedere se vuole un appuntamento.
Comunque, so che se si spargesse la voce che noi usciamo o la gente ci vedesse insieme, o se ci mettessimo insieme, i ragazzi sarebbero strani con me e so che i miei amici non lo accetterebbero. Non so se smetterebbero di essere miei amici ma ovviamente io non potrei esserlo con persone che si prendono gioco della mia ragazza.
Ne ho parlato con i miei genitori. Non so cosa pensino di lei. Mia sorella maggiore che si è diplomata al liceo l’anno scorso mi ha detto che dovrei starle lontano per via del dramma che potrebbe causare. In più mia sorella pensa che potrei diventare bersaglio dei bulli e la gente potrebbe anche pensare che sia gay. Questo è qualcosa che mi preoccupa.
Mio fratello minore (che va a scuola media, così non so quanto il suo consiglio sia credibile) dice che le dovrei portare dei fiori a scuola il giorno di San Valentino perché scommette che nessun altro ragazzo le abbia dato dei fiori prima. Penso sia incredibile. Mi piacerebbe davvero essere il primo ragazzo a darle dei fiori ma è anche un gesto molto pubblico e romantico. Non c’è un secondo fine. Lei si merita i fiori il giorno di San Valentino. Voglio farle sorridere.
È diventato un romanzo. Dovrei smetterla di titubare, potrei pensare a lei per giorni. Credetemi.
Che faccio? Penso di sapere cosa fare. Voglio dire: so cosa vorrei fare. Voglio farla sentire speciale. Voglio essere il suo ragazzo. Sono solo terrorizzato dalle ripercussioni sociali e sono un po’ terrorizzato per quello che potrebbero pensare anche i miei genitori. Forse a loro non importerebbe. Forse non importerebbe a nessuno. Ma è altamente irrealistico.
Cosa fareste nei miei panni? Qual è la mossa intelligente da fare?
Le chiedo di uscire anche se la gente non lo comprenderebbe davvero? Non voglio che nessuno mi odi. Ma voglio davvero piacerle.”

Non sappiamo cosa abbia scelto il ragazzo, possiamo solo sperare che abbia vinto la paura e abbia trovato il coraggio di essere davvero il “primo ragazzo a portarle dei fiori”, perché quando c’è l’amore tutto il resto non conta.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...